Richard Gere a Processo Open Arms. Salvini: E noi chiameremo Banfi e Zalone

Lettura 1 min

“Tra i testimoni convocati dalle parti che mi accusano, che dovranno venire in Aula” per il processo Open Arms “c’è il sindaco di Barcellona – verrà a farsi una vacanza a Palermo, buon per lei – ma soprattutto c’è Richard GERE. Non so come si pronunci, ma se ti piacciono i clandestini pigliateli a casa tua negli Stati Uniti senza venire a darci lezioni… Gli chiederò l’autografo per portarlo alla mia mamma”. Così Matteo Salvini, leader della Lega, parlando ad Assisi. 

“Se l’accusa chiama Richard GERE a testimoniare noi chiamiamo Checco Zalone e Lino Banfi”, ironizza il leader della Lega, Matteo Salvini, parlando del processo per il caso Open Arms durante un comizio a Cortona (Arezzo). “La domanda che faccio sorridendo, ma mica tanto, è quanti milioni di euro di denaro pubblico costerà questo cinema di processo a carico di Matteo Salvini”, ha proseguito l’ex ministro dell’Interno. 

Servizio Precedente

Referendum, gli svizzeri hanno detto sì ai matrimoni gay e no alla tassazione dei capitali

Prossimo Servizio

Voto Germania, in testa Spd. Leader Cdu, elezione a rischio

Ultime notizie su Politica