QUANDO L’EURODEPUTATO BERLUSCONI METTEVA IN GUARDIA DALLA DIPENDENZA DALLA CINA

14 Giugno 2023
Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – Silvio Berlusconi ha avuto anche una parentesi della sua vita politica al Parlamento Europeo; le europee del 2019 sono state la prima scadenza elettorale dopo la sua riabilitazione e fu eletto, come teneva a ribadire, a suon di preferenze.
Col suo ritorno al parlamento italiano nell’autunno 2022 si è chiusa la parentesi europarlamentare ma non ha mancato di fare arrivare il suo contributo anche nell’emiciclo di Strasburgo.
L’agenzia eunews riporta un suo intervento del 2020 , quanto mai profetico, sul rischio di eccessiva dipendenza economica dell’UE nei confronti della Cina.
La risposta alla sua interrogazione fu pilatesca e poco “federale”: gli stati facciano da sé.


L’attività del leader di Forza Italia, nei registri dell’istituzione Ue, si ferma a settembre 2022. Ma tra le varie interrogazioni parlamentari spicca quella di novembre 2020 in cui accende una volta di più i riflettori sulle penetrazione della Repubblica popolare, delle sue imprese e dei suoi imprenditori, nel mercato nazionale e nel mercato unico. Denunciava allora il “disegno di espansione economica della Cina in Europa”, con il conseguente “rischio di una dipendenza dell’Europa dalla Cina”.


La risposta fornita per l’occasione rispecchia la natura ancora troppo confederata e troppo poco federale. Perché Valdis Dombrovskis replicò a Berlusconi ricordando che spetta gli Stati evitare una penetrazione eccessiva di operatori di Paesi terzi. “La Commissione ritiene che gli Stati membri debbano mantenere un meccanismo che consenta loro di controllare gli investimenti esteri diretti in tutti i settori per motivi di sicurezza o di ordine pubblico”.


I numeri non sono più aggiornati, chiarisce eunews. Ma alla fine del 2020 Berlusconi notava sul territorio italiano 50.797 imprenditori attivi nati nella Repubblica popolare cinese, con una parte significativa, circa 17mila, nel solo settore manifatturiero. Un ragionamento figlio anche del Berlusconi imprenditore, e pur sempre componente della commissione Affari esteri del Parlamento Ue. In questa veste ha guardato ad una porzione di resto del mondo, contribuendo, al ragionamento che ha animato dibattito e agenda del blocco dei Ventisette sulla questione cinese.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Milano pronta per i funerali di Stato. Il mondo saluta Berlusconi

Prossimo Servizio

IDENTITA’ – Festa ai bordi del grande fiume, il 25 giugno al Tagliaferro di Camino

Ultime notizie su Politica

Amnistia per gli indipendentisti catalani, ora è legge

Gli avvocati difensori di 36 dirigenti del partito della Sinistra repubblicana catalana (Erc) condannati o processati per reati collegati al processo indipendente in Catalogna hanno sollecitato oggi l’applicazione dell’amnistia. Secondo fonti giuridiche citate
TornaSu

Don't Miss