UNIMPRESA, PREOCCUPATI PER LE PREVISIONI DI TASSI ANCORA IN AUMENTO

9 Ottobre 2023
Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – Non sono state accolte bene le parole della presidente della BCE Lagarde dagli imprenditori di Unimpresa.
«Le difficoltà delle imprese e delle famiglie, non solo in Italia, sono sotto gli occhi di tutti: le economie dell’area euro e per il 2023 tutte le previsioni di crescita sono state riviste al ribasso. Per questo, le parole pronunciate dalla presidente della Bce, Christine Lagarde, appaiono a dir poco sconcertanti: il fatto che non si sia ancora deciso di fermare, annunciandolo fin d’ora, lo stop al rialzo del costo del denaro è incomprensibile. I danni provocati fin qui sono evidenti. Ciò nonostante, la Banca centrale europea potrebbe ancora aumentare i tassi d’interesse». Lo dichiara il vicepresidente di Unimpresa, Giuseppe Spadafora, commentando quanto detto oggi dalla presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Giallo su aiuti ai palestinesi: la Commissione europea prima li sospende e poi ci ripensa?

Prossimo Servizio

Trentino – Sergio Divina, l’anti-Fugatti: No ad abbattimento orsi, prima tentare altre strade

Ultime notizie su Economia

La “solita” procedura d’infrazione?

di Gigi Cabrino – Era prevista ed è arrivata.La commissione UE ha avviato una procedura di infrazione contro Italia, Francia e altri cinque paesi: Belgio, Ungheria, Malta, Polonia e Slovacchia. Nella valutazione
TornaSu