Stagione invernale, protocolli per sciatori se riaprono impianti

Lettura 2 min

 Il crollo delle temperature degli ultimi giorni sta favorendo la produzione di neve artificiale in molte stazioni sciistiche lungo l’arco alpino. In alcune localita’ il manto bianco, in attesa di essere battuto dai gatti delle nevi, copre gia’ l’intero tracciato. I consorzi sciistici, gli albergatori e tutto il mondo che ruota attorno al turismo invernale, attende impaziente cio’ che sara’ definito domani nel corso della Conferenza Stato-Regioni. Un incontro nel quale dovrebbero essere definire, numeri del contagio da coronavirus permettendo, quando e soprattutto con quali modalita’ dare il la’ alla sempre molto attesa stagione invernale.

In Italia, dal Friuli Venezia Giulia al Piemonte, l’indotto su tutta la filiera va dai 10 ai 12 miliardi di euro e, in caso di apertura solo dopo le festivita’, la perdita s’aggirerebbe attorno al 70% con conseguente perdita di migliaia di posti di lavoro. Diverse le misure indicate sui protocolli sanitari per la ripartenza che saranno presentati alla Conferenza Stato-Regioni. In caso di comprensorio o impianto di risalita in ‘zona rossa’, le piste saranno aperte solo per sciatori professionisti (componenti di squadre nazionali) e comunque per sciatori di chiaro interesse nazionale. In caso di ‘zone arancioni’ gli impianti dovrebbero aprire con una riduzione del 50% della capienza massima per cabinovie e funivie (resta al 100% per le seggiovie).

L’uso della mascherina chirurgica sara’ reso obbligatorio su tutti gli impianti di risalita. Sara’ fortemente agevolato l’acquisto degli skipass sia stagionali che giornalieri (avranno un tetto di emissione) al fine di evitare code alle casse. Per il momento non c’e’ ancora una vera e propria data d’inizio ma il periodo piu’ “gettonato”, pandemia di Covid-19 permettendo, sembra essere quello dal 15 al 18 dicembre. Si tratta di date ipotizzate dai comprensori e consorzi turistici. In Val Gardena in provincia di Bolzano ci saranno alcuni impianti che saranno aperti gia’ il 14 dicembre per consentire gli allenamenti in vista delle due gare veloci di Coppa del mondo che si terranno il 18 e 19 sulla ‘mitica’ Saslong. Analogo discorso vale per la Val Badia e Madonna di Campiglio (Trentino) dove le gare, sempre del Circo Bianco, sono in agenda rispettivamente il 20-21 dicembre e il 22.

Photo by Jack Finnigan

Servizio Precedente

L'e-commerce che batte Amazon in Amazzonia si chiama Bemol

Prossimo Servizio

Fipe: Black Friday per tutti. Commercianti sul piede di guerra contro inerzia Stato

Ultime notizie su Economia

Saldi al palo

Saldi al palo. La gelata dei consumi, conseguente al prolungato stato di…