Prezzi ancora su gennaio. Ce ne eravamo accorti. Confesercenti: Urge ridurre il costo del denaro

6 Febbraio 2024
Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – La corsa dei prezzi torna ad accelerare leggermente a gennaio per le tensioni internazionali e per le relative conseguenze sulla catena degli approvvigionamenti.
È la sintesi di quanto osservato dagli imprenditori aderenti a Confesercenti.

“Come avevamo anticipato nei mesi precedenti, il clima di incertezza non poteva non avere un effetto anche sulla dinamica inflazionistica. Anche perché il processo disinflattivo in corso nella seconda metà del 2023 era senz’altro positivo, ma frutto in gran parte sia di un effetto statistico che derivava dal confronto con i mesi del 2022 di forte impennata dei prezzi, sia di un processo di rallentamento del prezzo delle commodities e, in particolare, degli energetici”.

“Nonostante la risalita di inizio anno, però, la rilevazione odierna è ancora in linea con un robusto rientro della dinamica inflazionistica, anche se difficilmente si raggiungerà il fatidico livello del 2% nel 2024, collocando invece più plausibilmente il valore intorno al 2,5%, oltretutto in uno scenario caratterizzato dal perdurare di forti tensioni sui mercati mondiali dovute soprattutto ad eventi extraeconomici”.

La conclusione di Conferescenti è un auspicio al ribasso dei tassi di interesse.

“Per questo, auspichiamo che non sia qualche decimale a far invertire una rotta – peraltro ancora non chiaramente tracciata – di allentamento delle condizioni monetarie, con il rischio di avvitamento di una situazione ancora non risolta: occorre iniziare a ridurre il costo del denaro, che è il vero fardello che incide negativamente su famiglie ed imprese, per ridare una boccata di ossigeno all’economia”.

credit foto didier-weemaels-ZKVBM2_Dp84-unsplash

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

La Svizzera mette in dubbio nuove tasse di Roma per i frontalieri sulla sanità. “Doppia imposizione illegale”. E parte petizione

Prossimo Servizio

Il Sud non ingrana neppure col turismo. Crescita dimezzata rispetto al resto d’Italia

Ultime notizie su Economia

CNA: IL TAGLIO DEI TASSI NON BASTA ANCORA

di Gigi Cabrino – Gli imprenditori di CNA da tempo attendevano un’inversione di tendenza nella politica monetaria della BCE e il taglio dei tassi della settimana scorsa è stato accolto positivamente; tuttavia
TornaSu