Variante indiana ceppo dominante in Gran Bretagna. Revoca restrizioni in forse

16 Maggio 2021
Lettura 1 min

Il ministro della Salute britannico ha affermato che la variante del coronavirus a rapida diffusione identificata per la prima volta in India potrebbe diventare il ceppo dominante nel Regno Unito. I funzionari sanitari stanno conducendo test porta a porta in diverse aree del Paese nel tentativo di frenare la diffusione della variante, che secondo il governo potrebbe interrompere i piani di riapertura del Regno Unito. L’aumento delle vaccinazioni nelle regioni chiave inizierà a breve. Il segretario alla salute Matt Hancock ha affermato che il nuovo ceppo, noto come B.1.617.2, è più trasmissibile del ceppo dominante del Regno Unito. “E’ probabile che diventerà la variante dominante”, ha detto alla Bbc. Hancock ha poi sottolineato che gli scienziati hanno un “alto grado di fiducia” sul fatto che i vaccini attuali funzionino contro la nuova variante e che non ci sono prove che causi una malattia più grave.

Il governo britannico ha affermato che lunedì andrà avanti con i piani per allentare le restrizioni di blocco. Le persone in Inghilterra potranno mangiare un pasto al ristorante o bere una birra al chiuso, andare al cinema e far visita ad amici e parenti a casa per la prima volta da mesi. Il primo ministro Boris Johnson ha però avvertito che se la variante dovesse provocare un forte aumento dei casi, i piani di revoca di tutte le restanti restrizioni entro il 21 giugno potrebbero naufragare. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Quel Pd confuso (da anni) in crisi di strategia

Prossimo Servizio

Croazia, da giugno codice QR per entrare nei locali al chiuso

Ultime notizie su Cronaca

Terzo mandato, fratelli coltelli

 Resta alta in maggioranza la tensione sul tema dell’ampliamento dei mandati per i governatori di regione, che la Lega vuole portare a tre, come previsto nei suoi emendamenti al decreto Elezioni, in
TornaSu

Don't Miss