Trento sperimenta i “sensori di distanza” sui bambini in colonia. A settembre in classe

Lettura 1 min

Chi controlla i bambini all’aperto se il problema è verificare la distanza di sicurezza? I centri estivi a Trento diventano esperimento per provare ad avviare una fase di test sui giovani ospiti dei centri. Così la Provincia autonoma di Trento, d’intesa con la Fondazione Bruno Kessler, hanno avviato su due colonie l’impiego di 52 sensori nei centri di Povo e di Andalo, indossati all’interno di piccoli marsupi da tenere legati in vita, da bambini e personale delle due cooperative coinvolte, per dare il via ad una sperimentazione che ha all’incirca le stesse finalità della app “Immuni”.

Non si esclude che i sensori continuino ad essere testati in autunno ngli ambienti scolastici.

(red)

Photo by Anna Samoylova

Servizio Precedente

Walter Ricciardi: "Si parla di secondo ondata, ma la prima non è ancora finita. Senza vaccino o terapie c'è distanza di sicurezza"

Prossimo Servizio

VIDEO - De Luca: pronto a bloccare mobilità tra regioni se serve. Meglio stop viaggi all'estero