Walter Ricciardi: “Si parla di secondo ondata, ma la prima non è ancora finita. Senza vaccino o terapie c’è distanza di sicurezza”

Lettura 1 min

Lo ha detto oggi Walter Ricciardi, consulente del ministero della Salute a capo del Comitato Tecnico Scientifico.

“In questo momento vedo che si parla di seconda ondata, non abbiamo neanche finito la prima. La prima ondata l’abbiamo appiattita, abbiamo ridotto questa curva epidemica e sapevamo che nel momento in cui avessimo allentato troppo presto o male i freni inibitori, per esempio aprendo alcune cose che non erano compatibili con l’epidemia, avremmo commesso un errore – ha dichiarato a Italpress -. Nel momento in cui il virus viaggia attraverso le persone, fino a quando non lo debelleremo o con un vaccino o con la terapia specifica, bisogna stare a distanza di sicurezza. Nel momento in cui non si può stare a questa distanza, soprattutto negli ambienti chiusi, bisogna indossare le mascherine. Tutti i virus – ha aggiunto – sono pericolosi quando entrano all’interno del corpo umano, quindi l’igiene delle mani e degli ambienti sono degli strumenti importantissimi”.

Servizio Precedente

Un bambino positivo manda in quarantena tutta la classe, maestri e familiari. Un calciatore positivo non manda in quarantena nessuno: "Show must go on"

Prossimo Servizio

Trento sperimenta i "sensori di distanza" sui bambini in colonia. A settembre in classe

Ultime notizie su Scienza