Fa 4 minuti di tv con un compenso di 250 euro, l’Inps gli chiede indietro 17mila euro, la pensione di un anno

13 Marzo 2024
Lettura 1 min

Quattro minuti di numero in tv come “annunciatore” della trasmissione calcistica “Tiki Taka” di Mediaset, per un compenso totale di 250 Euro, sono stati sufficienti per ricevere comunicazione dall’INPS di restituzione di 17mila euro, importo relativo ad un anno di pensione relativo al 2021. L’INPS avrebbe equiparato questa breve presenza negli studi televisivi Mediaset ad una vera e propria assunzione. 


Il Tribunale di Perugia, in un caso del tutto analogo, è intervenuto sul corretto significato della circolare interna dell’ente previdenziale: appare ragionevole un’interpretazione della norma che limiti l’incumulabilità del trattamento pensionistico proprio all’entità del reddito percepito. Diversamente, richieste come quelle avanzate dall’INPS parrebbero una semplice “punizione”, lesiva e in contrasto con il principio di proporzionalità.


“L’attività lavorativa, peraltro di soli quattro minuti, innegabilmente svolta dal pensionato – afferma il Presidente del Codacons, Avv. Marco Maria Donzelli – non può comportare, a fronte della percezione di 250 Euro, la perdita dell’intero importo pensionistico per l’anno in questione. Se così fosse, il contribuente, in ragione di un reddito modesto e inidoneo al sostentamento personale (250 Euro per un giorno), si vedrebbe privato della prestazione pensionistica con danno alla propria qualità della vita”. 

(Avete ricevuto un analogo provvedimento INPS? Info a 3939036473 oppure all’indirizzo info@codaconslombardia.it
“Realizzato nell’ambito del Programma generale di intervento della Regione Lombardia con l’utilizzo dei fondi del Ministero delle  Imprese e del Made in Italy ai sensi del D.M. 6 maggio 2022”

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Unimpresa – Tassi in aumento, sofferenze bancarie per le imprese e crollo dei mutui. La crisi è un macigno

Prossimo Servizio

Val d’Aosta, gli autonomisti trovano l’unità

Ultime notizie su Cronaca

TornaSu