Attacco hacker Lazio: Pagare riscatto per liberare sistema?

1 Agosto 2021
Lettura 1 min

Secondo quanto si apprende l’attacco hacker alla Regione Lazio e’ stato del tipo “ransomware cryptolocker”, utilizzato di solito per chiedere riscatti ma al momento non sarebbe stata richiesta una contropartita. Inoltre, dai primi accertamenti, emerge che non sarebbero stati acquisiti dati sensibili.

In attacchi ransomware come quello che sembra aver colpito la Regione Lazio, l’attaccato non ha alternative che pagare. Lo dice all’AGI Matteo Flora, esperto di sicurezza informatica e partner di 42 Law Firm. “In questi casi non c’e’ alternativa” che a pagare il riscatto richiesto, dice Flora.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Miozzo: In dad chi non si vaccina

Prossimo Servizio

Impresa epica, 2 ori olimpici! Tamberi nel salto, Jacobs nei 100 metri

Ultime notizie su Cronaca

Caso Vannacci, la Lega: Giustizia a orologeria

“E’ motivo di orgoglio che un coraggioso servitore della Patria come Roberto Vannacci venga accostato alla Lega”, si legge in una nota del partito. “L’indagine a suo carico conferma il nervosismo di chi teme il
TornaSu

Don't Miss