Sanità, 15 anni di disinvestimenti

7 Aprile 2024
Lettura 1 min

  “Questo governo già dal prossimo Def deve fare una scelta coraggiosa: riconoscere l’esigenza più grande di questo Paese, quella di salvare i due pilastri welfare-state, sanità e istruzione, tutto il resto è secondario e il governo deve destinare più soldi a questi due pilastri, distrarli da altro, perché non è una questione di percentuale sul Pil ma di quanto si investe”. Così all’ANSA il segretario del maggiore dei sindacati dei medici ospedalieri, l’Anaao-Assomed, Pierino Di Silverio che chiede “politiche coraggiose” e annuncia una serie di manifestazioni sul territorio contro il ddl sull’Autonomia: il primo appuntamento a Bologna il 19 aprile.

“Non stiamo dicendo che non sono stati fondi destinati alla sanità ma che semplicemente non bastano perché il gap, dopo 15 anni di disinvestimenti, è troppo ampio e il Servizio sanitario nazionale ha troppo bisogno oggi di risorse e di riforme, perché le risorse da sole non bastano”, afferma. “Basti pensare che secondo precedenti studi, per colmare quel gap che si è maturato in 15 anni servirebbero quasi 50 miliardi di euro, cosa impossibile”, dice Di Silverio per il quale il Mes è stato tra le occasioni perse. Da qui la richiesta di “scelte coraggiose, quelle – afferma il sindacalista – che distraggono soldi da altre situazioni, dalla guerra, dalle armi, dai lodi Lotito e compagnia che regalano 800 milioni alle squadre di calcio di serie A, dall’evasione fiscale” .

“Il ddl autonomia per come viene portato avanti aumenterà ben oltre il 24% la percentuale di quei cittadini che in Italia si rivolge già oggi alla sanità privata, a fronte di una media europea che si aggira intorno all’8-9 per cento”, dice ancora il segretario Anaao augurandosi “una lunga discussione in Parlamento e annunciando una serie di incontri e campagne informative, in varie città d’Italia da aprile a giugno, aperte a cittadini, sindaci e governatori”. Una tabella di previsione tecnica della Nadef dello scorso ottobre parlava di un calo della spesa per la sanità sul Pil, tra il 2020 e il 2025 di 1,2 punti, sottolineando però che nel 2020 il Pil ha registrato una forte contrazione per effetto della fase iniziale dell’emergenza Covid e per tornare ai livelli del 2022 servirebbero quasi 10 miliardi nel 2024 e nel 2025. Nel loro appello poi del 3 aprile, i 14 scienziati e Nobel hanno evidenziato che nel 2025 sarà destinato il 6,2% del Pil, meno di vent’anni fa. Oggi il Fondo sanitario è di 134 miliardi (contro i 114 del 2019) e sono stati stanziati dal governo 3 miliardi in più per il 2024, 4 per il 2025 e 4,2 per il 2026.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

POLITICA CAMALEONTICA-MIMETICA – Vannacci piace a Speroni: “Non so quali siano le sue idee ma un generale in Lega ci sarebbe stato bene anche 40 anni fa”

Prossimo Servizio

“Abbassate quei tassi”

Ultime notizie su Politica

Taglio ai Comuni, in nome dell’autonomia

“Le modalità con le quali il MEF intende applicare ai Comuni la spending review prevista dalla legge di bilancio aggravano tutte le nostre peggiori preoccupazioni. Ci aspettavamo una proposta molto diversa, anche se avevamo

Acqua: nel 2023 sparito un litro su cinque

di Gigi Cabrino – La siccità degli anni 2022 e 2023 continua a fare parlare, anche perché se il nord ha conosciuto periodi piovoso negli ultimi mesi non si può dire altrettanto
TornaSu