Renzi invita Calenda: Con noi per fare il Terzo Polo

Lettura 3 min

Se Calenda e Azione hanno voglia di fare il terzo polo insieme Italia Vive c’e’. Lo ha detto il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, a “Omnibus” su La7. “Se invece non vogliono noi rispettiamo la loro opinione. L’importante e’ che dal 16-17 agosto iniziamo a fare campagna elettorale sui contenuti. Se Calenda ci vuole stare siamo felici, se non ci vuole stare – non capisco perche’ – ma lo rispetto. Ma non vogliamo partecipare ai teatrini”, ha detto Renzi. “Siamo da 15 giorni che diciamo ‘terzo polo’ e siamo disponibili a tare in squadra, non mettiamo le nostre ambizioni dinnanzi al progetto. Se ci sara’ un grande terzo polo, questo sara’ la sorpresa delle elezioni”, ha aggiunto. “Parto dal presupposto che la politica viene prima delle scelte personali”, ha detto Renzi. Italia Viva ha fatto una scelta: “Se le alleanze sono serie partecipiamo, ma se la questione di base e’ la spartizione di seggi e poltrone non ci siamo”, ha detto Renzi.

 Carlo Calenda lancia la sua campagna elettorale che si chiamera’ “Italia sul serio”. Lo annuncia parlando a Canale 5 spiegando che con Matteo Renzi sono in corso contatti da ieri e ci saranno anche oggi. “L’importante – spiega – che ci sia chiarezza, che le cose siano fatte bene. L’obiettivo di Azione, se gli italiani gli daranno credito, sara’ quello di “chiedere a Draghi di rimanere”. Calenda risponde anche ad una domanda su Giorgia Meloni: “Ha un problema di preparazione”, dice riferendosi alla possibilita’ che possa diventare presidente del Consiglio. “Non penso che sia fascista – aggiunge – ma non ha mai detto la parola definitiva su questo tema, con il rischio di finire nella serie C dell’Europa, che sarebbe gravissimo”. Il leader di Azione ritorna anche sui rapporti con Enrico Letta dicendosi “dispiaciuto” per la rottura con il Pd. “Ma c’era nell’alleanza una classe dirigente ex M5s, come Di Maio e Di Stefano – aggiunge – impresentabile”. Per non parlare del rapporto con la sinistra di Fratoianni. “Quello che ,manca nella politica e’ la nettezza”, dice ancora spiegando che lui ci sta provando ad esserlo da “uomo libero”. “Ci presenteremo con un programma molto chiaro e di buon senso che ricalchera’ il discorso fatto da Mario Draghi al Senato”.

Servizio Precedente

Salvini difende i concerti in spiaggia di Jovanotti: "Polemiche pseudo ambientaliste"

Prossimo Servizio

Cna Piemonte, decalogo ai partiti perché finiscano le politiche dell'emergenza

Ultime notizie su Politica