Contagi, il virus fotografa tre macroregioni. Ma governo e Lega tirano diritto per la zona rossa nazionale

Lettura 3 min

di Sergio Bianchini – Sui quotidiani di questi giorni si evidenzia il fatto che tutti cominciano a pensare all’eliminazione della zona unica nazionale. Il Giorno titolava martedì 28 aprile: “Il governo si arrende all’evidenza. Aperture differenziate per regione” e ancora “Una soluzione forse tardiva ma inevitabile” e ancora “Anche la scienza per una fase 3 a scaglioni.

L’Italia e’ lunga 1500 km, il paese più lungo d’Europa ad eccezione di Svezia e Norvegia che però sono quasi disabitate in trequarti del territorio. Pensare ad un trattamento differenziato a me sembrava ovvio fin dall’inizio del problema virus. E qualche pulsione in quel senso si è espressa anche nei meandri del potere politico centrale ma è stata subito cancellata.

Anche Salvini che un tempo fu per la specificità dei territori si è schierato, dopo la fase ultra ottimistica comune a tutti i politici, per la chiusura totale uniforme. Cosa esagerata e impossibile come al solito, con il consueto abuso di termini pomposi ma generici che piano piano la situazione concreta ha costretto a precisare.

Anche Colau, presidente del gruppo per lo studio della riapertura, appena insediato aveva subito ipotizzato la distinzione in tre aree, nord centro e sud. Ipotesi subito scomparsa senza spiegazioni ulteriori. Ma le tre aree il virus le ha individuate perfettamente perché segue le vie di reale e diversa intensità nelle relazioni economiche e sociali. E così il virus ha disegnato perfettamente le linee di forza del sistema Italia.


Purtroppo l’esistenza, evidente per chi vuole vedere, delle tre Italie, spaventa il potere statale che è tutto da decenni centro sudista. Un dominio angosciato però, che teme costantemente l’illuminazione di questa verità e fa di tutto per occultarla.


Da parte sua il nord, pur essendo ormai stremato dal prelievo fiscale e dalle mille assurde ingerenze nel normale sviluppo economico, non riesce a darsi una strategia per il superamento della catastrofica situazione ed oscilla tra sogni di secessionismo e nazionalismo uniformatore a direzione nordista.


Sembra assurdo ma si continua a ignorare il federalismo e perfino i margini che il Titolo V della Costituzione consente all’iniziativa territoriale.
Il colpo magistrale ed irresistibile per una reale autonomia e cioè la macroregione lombardo veneta come inizio della costituzione della macroregione nord o padana viene continuamente sorvolato ed ignorato anche se i governatori di Lombardia e Veneto sono dello stesso partito. Come mai? Ho fatto cento volte questa domanda anche ad alti livelli della vecchia Lega. Nessuna risposta. O meglio, la risposta che mi diede l’allora “capo supremo” fu: i veneti non vogliono.

Non sento nessuno dei dirigenti, né vecchi né nuovi parlare della questione e continuo a chiedermi il perché..

Photo by Tatiana Rodriguez

Servizio Precedente

Da Borrelli ad Arcuri: l'incredibile lotteria delle mascherine. E sapete che dicono? "Ora ne avete nei magazzini più di quelle che vi servono"

Default thumbnail
Prossimo Servizio

Tutti gli uomini del Presidente. Nei comitati Covid di esperti solo il 20% di donne. Che dite, si vede?

Ultime notizie su Politica