Ciocca: Io sospeso tre giorni per aver difeso gli italiani

22 Aprile 2024
Lettura 1 min

“Una forma di ricatto con cui sperano di mettermi a tacere per aver fatto quello che gli italiani mi chiedono dopo avermi votato: difendere i loro interessi da queste politiche criminali.”

Dichiara così l’on. Ciocca la sospensione di tre giorni dello stipendio, comunicata dalla Presidente Roberta Metsola in apertura dei lavori dell’ultima sessione plenaria della legislatura al Parlamento europeo, dopo aver mostrato un cappio alla Presidente della Banca centrale europea, simbolo delle sue folli politiche che hanno strozzato famiglie e imprese e dopo aver fischiato e mostrato un cartellino rosso in aula nel corso della votazione contro un folle provvedimento che vorrebbe obbligare i cittadini a pagare di tasca propria interventi sulla casa imposti dall’Europa.

“Nelle lettere di sospensione si legge che il mio comportamento, a loro dire, avrebbe danneggiato l’immagine, la reputazione e la dignità del Parlamento e della Banca centrale europea. Ma qui gli unici ad essere stati danneggiati sono le famiglie ed imprese che negli ultimi anni hanno visto le rate dei loro mutui triplicare mentre gli euroburocrati li obbligavano a pagare tasse sulle loro case fingendo di preoccuparsi dell’ambiente. Il rispetto reciproco di cui tanto si parla nella mia sospensione lo chiedono gli italiani a questa Europa che da amica si è trasformata nel loro principale nemico”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

È ora di ammodernare la legge quadro sull’artigianato. Cna: dopo 40 anni va cambiata

Prossimo Servizio

Senza Renzi e Calenda il centrodestra non avrebbe vinto in Basilicata. Punto.

Ultime notizie su Politica

Acqua: nel 2023 sparito un litro su cinque

di Gigi Cabrino – La siccità degli anni 2022 e 2023 continua a fare parlare, anche perché se il nord ha conosciuto periodi piovoso negli ultimi mesi non si può dire altrettanto
TornaSu