Disoccupati e sfrattati, la nuova frontiera della povertà. Dal 1° luglio si aprono le porte dell’inferno

Lettura 1 min

 Un gruppo di persone di Asia-Usb Torino, associazione di inquilini e abitanti, ha protestato stamane sotto la sede di Edisu, l’Ente per il diritto allo studio, in segno di solidarieta’ nei confronti di Totta, una studentessa-lavoratrice che durante la pandemia da Covid-19 ha perso il lavoro e adesso e’ costretta a lasciare il monolocale in affitto per fine locazione. “A nulla sono valse le richieste di incontri alle Istituzioni competenti, Comune e Regione Piemonte – scrivono da Asia-Usb – per ricercare una soluzione abitativa alternativa. Per una giovane precaria tutte le porte sono chiuse, questa e’ la dimostrazione palese della vera attenzione che le Istituzioni locali e il Governo Draghi vogliono rivolgere alle giovani generazioni”. E ancora: “Lo sfratto di oggi, con l’ingente schieramento di forze, e’ l’anticipo di quello che succedera’ dal primo luglio con la fine del blocco degli sfratti”. 

Servizio Precedente

Casi in picchiata ma consegne vaccino non decollano. Over 60 scoperti

Prossimo Servizio

Fascismo, movimento "Ultima Legione", perquisizioni in 18 province

Ultime notizie su Piemonte