Il terzo polo? “Al centro spazio può crescere dal 6 al 20%”

Lettura 1 min

“Per il terzo polo ci sono elementi di piattaforma programmatica e spazio politico che possono far pensare a consensi da un minimo del 6% a una doppia cifra. Il centro pesca dal consenso a Draghi, rimasto sospeso intorno al 50% e che la lista di Azione insieme a Italia viva può interpretare, essendo Renzi e Calenda da sempre stati coerenti sostenitori del premier”. Lo dice all’Adnkronos in una intervista a Roberta Lanzara il sondaggista Fabrizio Masia.

Tre, spiega ad Adn le ragioni che spingerebbero in questa direzione: “Al centro c’è uno spazio politico rilevante, di circa il 15-20%; tra Calenda e Renzi c’è una forte affinità politica, al di là dei caratteri molto forti; sono gli unici che possono vantarsi della ‘successione’ di quella che è stata l’agenda Draghi, dato che nelle coalizioni di centrodestra e centrosinistra sono presenti partiti che sono stati all’opposizione del governo di unità nazionale guidato dal presidente del Consiglio”.

Ciò che conta, ribadisce il sondaggista, è la coesione tra i due partiti, e non promettere la luna, ma soluzioni possibili per sostenere le famiglie in una situazione di grave crisi strutturale del Paese.

Servizio Precedente

Sicilia, l'ex sindaco di Messina, De Luca, all'attacco di centrodestra e centrosinistra con Sicilia Vera alle prossime Regionali

Prossimo Servizio

ESISTE (SOLO) LA QUESTIONE MERIDIONALE - E già Berlusconi frena sull'autonomia. "Non deve penalizzare il Sud. Miei governi hanno investito più di tutti nel Mezzogiorno"

Ultime notizie su Elezioni