Il ministro Giorgetti, il messaggio alla Lega: “Finché ho sostegno maggioranza non lascio”. Poi… “Fare debito a ripetizione non è più possibile…”

25 Dicembre 2023
Lettura 1 min

“Fino a quando la maggioranza sosterrà la mia impostazione su progetti seri, credibili e sostenibili non vedo perchè lasciare. Come ho già detto, l’opposizione ha tutto il diritto di dare suggerimenti, anche graditi, poi però decido io” . Lo spiega il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti in un’intervista a Il Giornale, dopo le polemiche sulla mancata ratifica del Mes e le richieste di dimissioni che arrivano dalle opposizioni. In merito alla scelta del suo partito di non ratificare il Fondo Salva Stati, Giorgetti ricorda che “la Lega ha sempre detto che era contraria. Dunque, è questione di coerenza. Ciò che appare improprio per un membro dell’Unione è che dopo aver preso un impegno di ratifica, al momento di firmare si tira indietro. Ma ribadisco, a quel punto la questione non era più economica bensì politica”. “Capisco l’irritazione dei partner per la bocciatura, anche se sapevano da tempo che questa possibilità era tutt’altro che remota – prosegue -. Però ricordo che anche il governo Draghi si era rifiutato di presentare il Mes in Parlamento, rinviandone l’esame. Perlomeno noi al voto ci siamo arrivati. Un punto alla fine è stato messo. Come ministero dell’Economia abbiamo sempre sostenuto che una cintura in più attorno al sistema bancario è la benvenuta. Ma il Mes è uno strumento come altri, dunque, niente più che una delle possibili soluzioni al problema vero, che è il debito. Non credo che l’Europa senza il Mes in versione salva-banche corra seriamente rischi di stabilità”. 

Sul Patto di Stabilità, dopo l’accordo raggiunto con Parigi e Berlino, Giorgetti spiega che ci sono cose buone e meno buone. “Al netto del contenuto positivo relativo al Pnrr, un’Europa che ha l’ambizione di vedere al vertice del sistema geopolitico, di disporre di un proprio esercito, di puntare seriamente alla transizione energetica, non può ignorare che tutto questo implica grandi investimenti pubblici – precisa -. Sarebbe come dire che vogliamo andare sulla Luna con il deltaplano. Le scelte devono essere coerenti con le ambizioni ei mezzi adatti a perseguirle. Ecco le cose che a mio avviso sono meno buone”. Il punto, secondo il ministro dell’Economia, “è che in tanti vivono ancora dell’allucinazione pandemica, quando non c’erano regole sul debito ei tassi erano a zero o addirittura negativi – argomenta -. Oggi la realtà è un’altra. I tassi sono volati e fare debito a ripetizione non è più possibile. Soprattutto bisogna capire che il confronto va fatto non con la fase pandemica, ma con il vecchio Patto di Stabilità”. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Federturismo: Festività, in 20 milioni in viaggio. Il 50% di chi resta per motivi economici

Prossimo Servizio

Parte il rush finale sulla manovra

Ultime notizie su Economia

Openpolis, il Pil delle regioni italiane

L’ultimo interessante report della Fondazione Openpolis esamina il Pil delle regioni in Europa. In particolare, nell’evidenziare le differenze regionali italiane, si legge: “In Italia, tutte le prime regioni e province per produzione
TornaSu