Export, Piemonte quarto. Ma il resto del Nord fa meglio

2 Luglio 2022
Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – Nel primo trimestre 20022 le esportazioni sono cresciute del 17,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente attestandosi a 13,5 miliardi, mentre le importazioni sono state pari a 10,6 miliardi in crescita del 28,3% rispetto al primo trimestre 2021; la bilancia commerciale piemontese presenta un saldo positivo di 2,9 miliardi di euro, in un periodo che, pur iniziando ad accusare le conseguenze delle tensioni internazionali nell’Est Europa, non sconta ancora in maniera piena delle conseguenze del conflitto ucraino.

Confrontando questi dati con quelli delle principali regioni esportatrici del paese, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto, emerge come, anche in questo caso, il Piemonte abbia mostrato una crescita più ridotta rispetto a quanto registrato da Lombardia (+23,6%), Emilia Romagna (+24,0%) e Veneto (+19,9%); il Piemonte si conferma, comunque, quarta regione per esportazioni nella penisola.

Interessanti anche i dati della composizione dell’export piemontese in crescita del 14,7% relativamente ai mercati UE e del 21,9% nei mercati extra UE, grazie soprattutto alla ripresa del mercato britannico.

Il presidente di Unioncamere Piemonte Gian Paolo Coscia ha commentato; “In questo primo trimestre dell’anno, il trend piemontese è positivo, ma non così performante come quello italiano e delle altre regioni nostre competitor quali Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. Le esportazioni dei nostri prodotti sono ovviamente condizionate dal clima di incertezza geo-politico e dalle preoccupazioni legate al caro energia e al rialzo dei tassi d’interesse. Dobbiamo continuare ad adottare politiche che aiutino le nostre imprese a internazionalizzarsi e dobbiamo investire in progetti innovativi e ad alto contenuto tecnologico, nel pieno rispetto ambientale”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Le vacanze più care degli ultimi 50 anni

Prossimo Servizio

Segnali di tempesta sull’Europa. Inflazione, tassi, energia, arriva l’autunno più difficile

Ultime notizie su Economia

Verso la riforma fiscale. Sanzioni dal 240 al 120%

Sanzioni dimezzate, dall’attuale 240% al 120%; introduzione del principio di proporzionalità rispetto al tipo di omissione o illecito commesso dal contribuente, con l’introduzione di un parametro di riferimento fissato al 70%. Arriva

Il governo, redditometro atto dovuto

“Era un atto dovuto, una misura su cui si è soffermata la Corte dei Conti, che sottintendeva anche un possibile danno erariale per la mancata adozione dei criteri induttivi, sospesi dal 2018,
TornaSu