Dov’è la pioggia di soldi del governo? Consumi giù del 30% a maggio

Lettura 1 min

di Teodolinda – Viene da pensare che qualcosa non funzioni. O che non ce l’abbiano raccontata giusta. Sta di fatto che nonostante l’annuncio di una pioggia di soldi sugli italiani da parte del governo, i consumi dicono altro. Confcommercio ha segnalato un calo del 29,4%, un dato meno negativo se confrontato con il -47% di aprile ma che conferma “grandi difficoltà” soprattutto per i servizi legati alla fruizione del tempo libero. Chi paga di più sono i settori del tempo libero (-92%), alberghi, bar e ristoranti (-66%) e abbigliamento (-55%).

Nel secondo trimestre il Pil è stimato ridursi del 17,4% rispetto al primo trimestre e del 21,9% nel confronto annuo.

Ma per fortuna hanno fatto gli stati generali. Ci penseranno loro.

Servizio Precedente

Scuola, il disastro è solo colpa davvero dell'Azzolina?

Prossimo Servizio

Conte come Luigi XVI? Nella nuova Versailles il ceto dominante: parassiti, burocrati e finti imprenditori

Ultime notizie su Economia

Saldi al palo

Saldi al palo. La gelata dei consumi, conseguente al prolungato stato di…