La L.I.F.E.: Autogoverno della Lombardia, sovranità è dal basso

3 Febbraio 2021
Lettura 1 min

riceviamo e pubblichiamo da Life, Liberi Imprenditori Federalisti Europei, delegazione Lombardia

Noi Piccoli e Medi imprenditori proponiamo l’autogoverno in Lombardia, che significa edificare la sovranità popolare dal basso, abbattere il centralismo feudale creato da una politica partitocratica sostenuta al potere da esponenti in buona parte opportunisti di qualunque colore, vogliamo un sistema di regione autonoma!

La storia ha assegnato alla Lombardia una posizione di rilievo in Europa, motivo importante per il nostro futuro, diventare regione autonoma, cominciare come esposto nel Trattato di Maastricht, questo giustifica la nostra volontà di autonomia, base per riorganizzare questo Stato feudatario, attuando i principi di auto-democrazia, di solidarietà e di sussidiarietà.

Rivendicare i nostri diritti dare sostanziale consistenza alla rigenerazione del tessuto democratico, annullare l’accentramento del potere statale che impone una miriade di tasse e leggi inutili, oltre l’inefficienza e la burocrazia asfissiante dove il denaro pubblico viene sperperato offrendo privilegi, il nepotismo e la corruzione,mentre i diritti sono messi a dura prova alla costante estraneità dei cittadini alle istituzioni, con un Parlamento, tiranno senza corona!

Avere lo Statuto Speciale significa giustificare i nostri diritti e non subire i doveri,stanchi di promesse altisonanti a vantaggio di questa nauseante oligarchia centralista!

Basta con le imposizioni centraliste,vogliamo ottenere i diritti che comporta L’ AUTONOMIA !

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

I vescovi con Draghi

Prossimo Servizio

Meloni: ho chiesto al centrodestra l’astensione. Ma c’è chi potrebbe votare col Pd. Solo noi siamo monogami

Ultime notizie su Economia

Ultimatum Giorgetti sul superbonus

di Cassandra – La politica ha le sue liturgie ma una cosa è certa. Il ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, deve far quadrare i conti. E, come riporta il Corrierone, afferma che “Il
TornaSu