Spesa per i regali? Sotto i 300 euro

Lettura 2 min

 Aumentano i consumatori italiani che dedicheranno un budget complessivo inferiore a 300 euro per i i tradizionali regali di Natale. Stando ai principali risultati di un’indagine sui consumi di Natale 2021 realizzata da CONFCOMMERCIO-Imprese per l’Italia, inoltre, della tredicesima solo il 16% sarà destinato ai regali, mentre quasi i tre quarti saranno utilizzati per spese per la casa, risparmio, tasse e bollette. Stando all’indagine di CONFCOMMERCIO, sono il 97% del campione a fronte del 94,2% dello scorso annoa stanziare 300 euro per i doni e diminuisce dal 5,8% al 3% la quota di chi spenderà oltre 300 euro. Risultati, osservano gli analisti, che confermano l’attuale clima di incertezza dovuto al perdurare della pandemia e all’aumento dell’inflazione. Tra coloro che percepiscono la tredicesima (il 74% dei consumatori), quasi un terzo la metterà da parte per risparmiare, il 29% la utilizzerà per far fronte alle spese per la casa e la famiglia, il 16% la utilizzerà per acquistare i regali di Natale mentre per il 14% servirà a pagare tasse e bollette Inoltre, un intervistato su due si è recato ad acquistare i regali di Natale nella prima metà di dicembre (53,2%), tuttavia l’indagine ha rilevato che è notevolmente aumentata, rispetto allo scorso anno, la quota di coloro che si sono recati a novembre (34,3% vs 23,3%) a fare le compere natalizie. I canali di acquisto dei regali vedono Internet, dopo il boom dello scorso anno, quest’anno rallentare confermandosi comunque il canale di acquisto principale per i regali di Natale (69%). Seguono la distribuzione organizzata (56,7%), i negozi di vicinato (42,5%), gli outlet e i punti vendita del commercio equo-solidale.

Foto di freestocks

Servizio Precedente

Appello per l'autodromo di Monza, Sangalli: Sostenerlo nel circuito di Formula Uno altrimenti è crisi

Prossimo Servizio

Crisanti, tamponi molecolari e mascherina Ffp2 impatto superiore a lockdown. Stop ad antigenici rapidi

Ultime notizie su Cronaca