Giornalisti: minacce a Berizzi, chiuse indagini per 13 persone

Lettura 2 min

Dopo quasi tre anni, la procura di Bergamo ha notificato al chiusura dell’indagine a 13 persone accusate di minaccia aggravata e diffamazione per aver minacciato, anche di morte, il giornalista bergamasco di Repubblica Paolo Berizzi. Le indagini di carabinieri e polizia postale di Bergamo, coordinate dal pm Emanuele Marchisio, hanno portato a identificare in mezza Italia – dalla Lombardia al Veneto, dal Piemonte alla Toscana e fino al Lazio – i server da cui sono partite le aggressioni telematiche al giornalista, spesso da profili anonimi e quindi di non immediata identificazione. I rapporti degli indagati con gruppi della galassia neofascista sono poi emersi gia’ con le perquisizioni nelle abitazioni degli indagati, nel 2020. Oltre a pc, telefonini, memorie usb, le forze dell’ordine hanno sequestrato anche volantini di associazioni nazifasciste, bandiere con croci celtiche e svastiche, persino un’ascia. Documentati anche rapporti con ultra’ di estrema destra delle curve e tifoserie calcistiche. Per i tredici indagati – c’e’ anche un insospettabile imprenditore noto negli ambienti di Inter e Milan – si avvicina cosi’ il processo: il pm chiedera’ per tutti la citazione diretta a giudizio. Da anni Paolo Berizzi, difeso dall’avvocato Fabio Pinelli, e’ oggetto di minacce e atti intimidatori per il suo lavoro d’inchiesta sul mondo dell’estremismo di destra. Ben sedici i procedimenti aperti in diverse procure, sempre per minacce e atti intimidatori nei suoi confronti, dal 2017 a oggi. Dal 2019 il giornalista e’ sotto scorta, rafforzata dopo l’inchiesta di Fanpage sulla ‘galassia nera’: in un video viene citato il nome di Berizzi in tono canzonatorio durante una cena. Berizzi e’ l’unico cronista europeo attualmente sotto protezione per minacce neofasciste e neonaziste. 

Servizio Precedente

Germania e Grecia, record di casi da inizio pandemia

Prossimo Servizio

Verso terza dose obbligatoria per il personale sanitario

Ultime notizie su Cronaca