Germania e Grecia, record di casi da inizio pandemia

Lettura 1 min

L’incidenza settimanale di casi confermati di infezione da coronavirus per 100mila abitanti in Germania ha raggiunto quota 232,1, segnando per il terzo giorno consecutivo i massimi da inizio pandemia. Il dato arriva oggi dal Robert Koch Institut: ieri l’incidenza era stata di 213,7 casi e lunedì di 201,1. Stando all’istituto, nelle ultime 24 ore si sono registrate 39.676 nuove infezioni, di poco sotto al dato record di 37.120 riportato venerdì. Si contano inoltre 236 decessi in più.

Nemmeno la Grecia sembra rimanere indenne dalla nuova ondata di contagi che sta attraversando larga parte dell’Europa. Le autorità sanitarie elleniche hanno infatti registrato nella giornata di ieri ben 8.613 nuove infezioni, un record dall’apparizione del morbo in Grecia nel febbraio 2020. La recrudescenza sta purtroppo mettendo in difficoltà il sistema sanitario che dalla fine di ottobre sta assorbendo un numero crescente di pazienti. I numeri dei bollettini ufficiali fotografano drammaticamente il trend in crescita: la Grecia è passata dalle 3.600 infezioni del 29 ottobre alle 6.150 di una settimana dopo e alle 7.330 di lunedì, secondo il rapporto giornaliero fornito dall’Organizzazione nazionale della sanità (Eody). Decine di persone sono morte ogni giorno a causa del coronavirus: del dettaglio, l’Eody ha registrato 46 morti martedì contro 65 lunedì.

Servizio Precedente

Germania, 11 mesi per riunificarsi. Italia, dopo un secolo e mezzo ancora incompiuta

Prossimo Servizio

Giornalisti: minacce a Berizzi, chiuse indagini per 13 persone

Ultime notizie su Cronaca