Categorie: Opinioni

I paesi federali veri depositari della ricerca della pace

di Roberto Gremmo – Soltanto la fine dei grandi Stati “nazionali” ed un mondo “federalista” daranno la pace ai Popoli. Ma l’intero mondo politico italiano va nella direzione opposta, quella nazionalista e centralista.

Qualche settimana fa ho già ricordato l’importanza del saggio di Marcello Caroti su Garibaldi primo “fascista” perché, sulle orme di Costa Cardol e di Oneto, chiarisce che le radici della dittatura di Mussolini sono nell’idea stessa del Risorgimento che ricorse a guerre sanguinarie per distruggere i piccoli Stati della Penisola popolati da contadini che volevano solo vivere in pace.

L’ingordigia di conquiste dei Savoia Carignano costò ai popoli del Regno decenni di conflitti, la nascita di una burocrazia parassitaria, il predominio dello sfruttamento sociale e l’egemonia militarista che portò al primo conflitto mondiale, da cui sorse l’arditismo che si trasformò in fascismo, diventato poi dittatura che condussero ad una nuova carneficina finché’, sconfitto, creò un nuovo regime, formalmente democratico, ma in perfetta continuità con quello di prima, e dunque clientelare, centralista, dominato dai banchieri ed anche militarista.

Dalla sua nascita, la Repubblica non si e’ mai sottratta alle avventure guerriere imposte dall’appartenenza ad uno dei due blocchi decisi dalle grandi potenze, già partendo dalla partecipazione simbolica alla guerra di Corea del 1950 per proseguire coi bombardamenti di Belgrado ed arrivando alle pericolose “missioni di pace”, alle armi vendute ai contendenti ed alle follie spazial-spionistiche dei giorni d’oggi.

Una classe politica priva di vero potere ha sempre accettato di portare le salmerie delle truppe imperialiste che provocano morti, lutti e distruzioni col pretesto di garantire pace e libertà. Lo hanno fatto ben sapendo che nessuno, in un’Italia nata e cresciuta nazionalista, li contesterà davvero. O se lo farà sarà solo per finta.

Oggi, per esempio, un giornalista che da giovane militava nel maoista “Servire il Popolo” ed e’ poi diventato noto come progressista, gira le televisioni raccontandoci di voler creare un nuovo gruppo politico che avrebbe al centro del programma la pace fra i popoli, il disarmo e la solidarietà.

Ma, al solito, è una scatola vuota.

Finché esisteranno grandi Stati in competizione fra loro, non ci potrà mai essere vera pace, perché, come dimostra anche il caso italiano, gli appetiti dei ceti dirigenti, le pressioni degli affaristi che li sostengono e la lucida follia dei guerrieri di mestiere prevalgono inevitabilmente sulle volontà della gente, che peraltro mostra di credere sempre meno nel sistema falsamente democratico, rifugiandosi nel non voto.

Si potrà arrivare ad una vera pace ed amicizia fra i popoli solo con una non violenta rivoluzione istituzionale che, un passo alla volta, sottragga fette di potere e decisione alle elefantiache strutture dominanti (siano esse romanocentriche, euroaccentratrici, natosubalterne o onudemagogiche).

Non c’è’ un domani sereno finché non si smantellano gli imperi “nazionali” e non nasce una nuova Europa, come la definiva Krutwig Sagredo, etnocratica.

Perciò chi sbandiera il pacifismo respingendo o osteggiando il federalismo, secondo me, non merita alcuna fiducia.

La Svizzera, proprio per la sua equilibratrice natura cantonale ha fatto della neutralità la sua cifra distintiva e San Marino o Andorra non hanno mai dichiarato guerra a nessuno.


Roberto Gremmo

Articoli recenti

Chiesa grandiosa e spettacolare, stato e politica italiana senza  soldi e senza onori

di Sergio Bianchini - La visione delle riprese televisive del Papa con i bambini e…

2 ore fa

Meloni, l’Europa deve cambiare priorità e occuparsi di meno cose

"Penso che l'Europa debba cambiare nelle proprie priorità. La sfida è che l'Europa si occupi…

6 ore fa

Abbattere liste d’attesa in farmacia? Cimest, scelta sbagliata

"L'abbattimento delle liste di attesa in farmacia è una scelta sbagliata che non tutela il…

7 ore fa

Reguzzoni con Pagliarini e Albertini a Milano, “Vento di cambiamento”

Riceviamo da Alleanza per l’Autonomia e pubblichiamo - Appuntamento importante Martedì 28 Maggio alle 18.30…

7 ore fa

Il video della candidata leghista per il voto disgiunto in Piemonte e le scuse di Allasia al centrodestra con Cirio

''E' stata una leggerezza che è stata fatta, da ritirare e per cui chiedere scusa…

23 ore fa

Taglio ai Comuni, in nome dell’autonomia

“Le modalità con le quali il MEF intende applicare ai Comuni la spending review prevista dalla legge…

1 giorno fa

Usiamo cookie per ottimizzare il nostro sito web ed i nostri servizi.

Leggi tutto