“Fiducia clamans” e la famiglia cristiana, placenta (per quanto?) dell’Occidente

17 Gennaio 2024
Lettura 5 min

di Giovanni Cominelli – La Dichiarazione in 45 punti del 18 dicembre 2023, firmata dal Card. Victor Manuel Fernandez, Prefetto del Dicastero per la Dottrina della Fede, da Mons. Armando Matteo e da Papa Francesco “ex Audientia” – nella forma del “Rescriptum”, come da art. 74 del Codice Canonico – intitolata “Fiducia supplicans – sul senso pastorale delle benedizioni”, prevede “le benedizioni di coppie in situazioni irregolari e di coppie dello stesso sesso”. La stampa ha già reso largamente conto delle reazioni negative di parecchie conferenze episcopali.

Originale la soluzione proposta dai vescovi della Bretagna-Vandea: benediciamo separatamente i due componenti la coppia. 1+1 fa, comunque, 2, o no!? In alcuni casi, sono arrivate contestazioni al Papa di eresia. Magari cristiano, ma non più cattolico! Qualcuno ha scritto di “colossale inganno” da parte del Papa. Da parte loro, “i vaticanisti” hanno letto la vicenda attraverso il prisma della lotta di potere che è in corso da sempre nella Curia romana e che si è accentuata in vista della successione.  

La discussione rende manifesti i tre anelli della catena socio-culturale che sono sottoposti ad una fortissima trazione nelle società occidentali e perciò anche nella dottrina della Chiesa: matrimonio, famiglia, sessualità.

Papa Francesco riafferma nella “Dichiarazione” la distinzione “tra ciò che è costitutivo del matrimonio, quale unione esclusiva, stabile e indissolubile tra un uomo e una donna, naturalmente aperta a generare figli, e ciò che lo contraddice”. Ma le dinamiche socio-culturali vanno verso “ciò che lo contraddice”. 

Basta aprire la banca-dati  dell’ISTAT: in Italia ogni cinque minuti una coppia si separa. I matrimoni sono in calo, di più quelli religiosi rispetto a quelli solo civili. Sono in aumento le “convivenze” e le “unioni civili” di coppie formate dello stesso sesso. L’effetto complessivo: fratture esistenziali e traumi individuali di genitori e figli, relazioni fragili e passeggere, allentamento dei “legamenti” sociali, atomizzazione individualistica, calo demografico. La Chiesa porta tutto il peso e le conseguenze di questa transizione.

La famiglia cristiana come placenta dell’Occidente 

La ragione è che il Cristianesimo e la Chiesa hanno contribuito in modo decisivo a costruire le società occidentali, basandole sul paradigma del matrimonio monogamico e indissolubile. La famiglia cristiana è stata la placenta delle società dell’Occidente e dell’ ”homo occidentalis”. Lo documenta, da ultimo, Joseph Henrich in un libro intitolato “Weird. La mentalità occidentale e il futuro del mondo” (NdR: Weird significa “strano”, ma è un acronimo di Western, Educated, Industrialized, Rich, Democrat), nel quale ricostruisce l’itinerario che ha portato la Chiesa a dissolvere le istituzioni basate sulla parentela intensiva delle tribù e dei clan romano-barbarici e a imporre lungo i secoli la graduale creazione di famiglie nucleari monogamiche.

Henrich descrive la costruzione del cosiddetto PMF – il Programma per il Matrimonio e la Famiglia – della Chiesa, attuato mediante una serie di proibizioni, prescrizioni e preferenze relative al matrimonio e alla famiglia. Dal 511 al 627 d.C., ben tredici dei diciassette concili della Chiesa affrontarono il problema del matrimonio “incestuoso”. La Chiesa proibì i matrimoni tra parenti di sangue, il matrimonio poliginico, il matrimonio con non-cristiani, il levirato e il sororato. Creò la “parentela spirituale” – i padrini – richiese che il consenso della sposa e dello sposo fosse volontario, contro i matrimoni combinati, di cui erano vittime le donne. Insomma: la Chiesa ha costruito la famiglia occidentale.

Un cardine ideologico di questa costruzione è stato il concetto di Natura fisica e biologica creata da Dio, con le sue leggi immutabili, “naturali” appunto. La famiglia, basata sull’unione esclusiva, stabile e indissolubile tra un uomo e una donna, quale condizione per generare figli, è l’unica “naturale”. Perciò solo l’etero-sessualità è la sola “naturale”, perché finalizzata alla procreazione. L’omo-sessualità è “contro natura”. 

La pragmatica dell’amore evangelico, il neo-fariseismo, il settarismo

Ora, questa sapiente e millenaria costruzione socio-religiosa sta andando in rovina. La discussione sulle cause infuria all’interno del mondo cristiano. È alla morte di Dio che viene ricondotta la perdita del carattere normativo della Natura, in primo luogo sul terreno della sessualità. In un tempo in cui si stanno perdendo contemporaneamente Dio, la Natura, la Storia, anche il matrimonio/la famiglia/la sessualità normale hanno rotto gli ancoraggi.  

Quali strategie di risposta? Quella della Dichiarazione, mentre ribadisce la dottrina tradizionale della Chiesa, invita a porsi dal punto di vista della Chiesa come “sacramento dell’amore infinito di Dio”: “… anche quando il rapporto con Dio è offuscato dal peccato, si può sempre chiedere una benedizione, tendendo la mano a lui, come fece Pietro nella tempesta quando gridò a Gesù: «Signore, salvami!» (Mt 14, 30). Pare qui ricomparire la distinzione di papa Giovanni XXIII tra l’errore e l’errante. Passando dal registro della Teologia dogmatica a quello della Teologia pastorale, Papa Francesco sembra assumere come centro dell’elaborazione e della decisione ecclesiale la condizione concreta delle ‘persone in situazione’: “… attraverso una semplice benedizione del pastore, che in questo gesto non pretende di sancire né di legittimare nulla, le persone possono sperimentare la vicinanza del Padre oltre ogni desiderio e ogni merito”. 

Un’altra risposta è quella neo-farisea: fedeltà alle regole, ai precetti e alla tradizione millenaria, senza curarsi del fatto che l’intera società non vi si riconosca più. L’uomo è al servizio del Sabato. Così i Farisei. Gesù sostenne il contrario, a costo di una rottura rivoluzionaria dell’Ebraismo.

Una terza: la chiusura dentro “sette di testimonianza”, in attesa che la Storia e la società tornino sui propri passi. Minoranze, ma non creative.

Difficile prevedere se queste strategie potranno fare fronte al bradisismo verso il basso, che sta sommergendo le istituzioni storiche dentro le quali le società e le persone sono state generate e hanno concretamente prodotto la storia umana almeno qui nell’Occidente bianco. È certo che le strade oggi indicate dai fondamentalisti di “Natura sive Deus” sono già state sommerse. 

E pertanto è anche difficile prevedere se la Chiesa cattolica avrà un futuro. Ma se lo avrà, ciò dipenderà dalla sua disponibilità a camminare sulle gambe degli uomini e delle donne delle società di oggi. Quella dell’homo sapiens non è solo una specie animale, è anche una specie culturale. Accompagnarne il destino è sempre il compito dell’ora presente. 

Per gentile concessione dell’autore da santalessandro.org

Giovanni Cominelli

Giovanni Cominelli laureato in filosofia con Enzo Paci. Consigliere comunale a Milano nel 1980 per il Pdup, consigliere regionale dal 1981 al 1990 per il Pci. Dal 1985 al 2000 responsabile scuola del Pci-Pds-Ds in Lombardia e membro della Commissione nazionale scuola. Membro del Gruppo di lavoro per la valutazione, istituito nel 2001 dal ministro Moratti, fino al 2004. Dal 2002 al 2004 membro del Comitato tecnico scientifico dell’Invalsi, poi consulente per la comunicazione fino al 2005. Dal 2003 al 2005 ha organizzato la manifestazione Job&Orienta dedicata all’istruzione. Membro del Cda dell’Indire dal 2005 al 2006, è stato responsabile delle politiche educative della Cdo dal 2005 al 2007 e della Fondazione per la Sussidiarietà fino al luglio 2010. Ricercatore presso il Cisem nel 2010. Collabora a Nuova secondaria. Ha scritto di politiche educative sul Riformista, Tempi, Il Foglio, Avvenire, Il Sole 24 Ore e i libri La caduta del vento leggero (2007) e La scuola è finita… forse (2009)

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Tempo pazzo, tre stagioni in quattro giorni

Prossimo Servizio

Il video geniale della Pro Loco di Ranco sul Lago Maggiore: un inno all’importanza del dialetto e delle lingue locali

Ultime notizie su Opinioni

Ma davvero volete tassare pure le suore indiane?

di Stefania Piazzo – La nota che tre parlamentari di Italia Viva ci hanno inviato (onorevoli Gadda, Boschi e Fregolent) e che abbiamo pubblicato, fa accapponare la pelle. (qui la notizia: https://www.lanuovapadania.it/politica/legge-di-bilancio-arriva-la-tassa-sui-religiosi-extraeuropei-gadda-emendamenti-italia-viva-contro-contributi-quintuplicati-per-la-salute/)
TornaSu