Terni, Lega agli antipodi col sindaco leghista? Si fa avanti il presidente della Ternana per la conquista del Comune

Lettura 2 min

C’è un territorio in ebollizione a Terni. Il presidente della Ternana, Stefani Bandecchi, si è fatto avanti per candidarsi a sindaco. C’è già una lista in appoggio, “Forza Fere”Giusto per ricordarlo, Bandecchi è anche il fondatore dell’Università Niccolò Cusano. A complicare gli sviluppi futuri in casa Salvini Premier pare ci sia una frattura in atto tra il sindaco uscente, Latini, e i suoi consiglieri, dopo la nomina alla partecipata comunale Terni Reti. Equilibri difficili da comprendere a distanza ma sufficienti quanto basta per immaginare che la mano destra fa una cosa e la sinistra neppure lo sa. O, piuttosto, l’approva.

Sulla stampa locale si legge che il nome in corsa di Stellati, era stato indicato da Fratelli d’Italia.

“La Lega invece puntava su Leonardo Fausti. La decisione di nominare Stellati di certo non ha fatto piacere al Carroccio: la conferma sono le diverse le telefonate andate in scena in queste ore tra Terni e Roma, dove pare che il quartier generale leghista non abbia preso bene la mossa del primo cittadino. Con il clima teso tra partito e sindaco, sarà a questo punto Latini il candidato leghista? L’avvocato nelle sue ultime uscite pubbliche ha sempre confermato di volersi candidare anche al secondo mandato”, scrive il giornale online https://www.ildifforme.it/.

Poi qui alziamo le mani e ci affidiamo ancora alla cronaca locale. Sempre il Difforme spiega che “nel frattempo in mezzo ci sono stati anche gli screzi sulla scelta del segretario comunale, con l’uomo di Latini messo in fuorigioco a favore di Devid Maggiora”. Per i palati più forti si apprende ancora che “l’uscita di Bandecchi richiama all’azione anche Enrico Melasecche: l’assessore regionale fino a questo momento è stato uno dei primi sostenitori della battaglia di Bandecchi sul progetto stadio-clinica. E’ indubbio che lo stesso Melasecche qualche pensierino a candidarsi a sindaco di Terni lo sta facendo, anche perché resta quello il suo attuale desiderio politico (da Ciaurro in avanti). Lo slancio di Bandecchi lo avrà indispettito o c’è dietro una strategia?”.

Sembra uno sciogli lingua. Chi ne ha capito qualcosa alzi la mano. Tranne la Lega dove, a quanto pare, c’è nebbia fitta.  

Servizio Precedente

Che Paese fantastico: record del 43,8% di pressione fiscale

Prossimo Servizio

La lettera - Moratti? Purché colpisca il bersaglio

Ultime notizie su Elezioni