Mentre discutono con la pancia piena, 75mila imprese non riescono a pagare l’affitto

23 Dicembre 2020
Lettura 1 min

Emergenza affitti per le imprese del commercio ed i pubblici esercizi. Tra pandemia, riduzione dei volumi d’affari e lockdown a singhiozzo, in Italia ci sono almeno 75mila imprese che rischiano di non riuscire a saldare i canoni, e di non poter approfittare dunque di circa 270 milioni di euro di credito di imposta. Che, così com’è, non basta: va rivisto e affiancato da nuove soluzioni. Così Confesercenti.La questione degli affitti è la nuova emergenza per chi fa impresa oggi. In particolare, per quest’ultimo trimestre dell’anno: le chiusure disposte improvvisamente nei mesi scorsi e per le feste hanno praticamente azzerato la liquidità disponibile di migliaia di imprese.Per questo, chiediamo di estendere immediatamente la possibilità di beneficiare del credito di imposta sui mesi ottobre, novembre e dicembre anche alle imprese che corrispondono i relativi canoni entro il 31 marzo 2021

Occorre- aggiunge Confesercenti- però, anche introdurre soluzioni nuove: il credito di imposta, da solo, non è stato sufficiente a risolvere la questione locazioni.Serve un accordo per arrivare a linee di credito agevolate mirate a sostenere le imprese nel pagamento del canone. In questo modo si raggiungerebbe un duplice obiettivo: da un lato, gli istituti corrisponderebbero subito quanto dovuto ai proprietari di immobili, recuperando in una seconda fase il credito di imposta al 60%; mentre alle imprese rimarrebbe in capo solo il restante 40% del canone, rateizzabile.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Angelo Truffi de “I Cantamilano”, la cultura lombarda se viv inscì

Prossimo Servizio

A Brescia il funerale dell’indipendentista Orini. Sulla bara la bandiera col Leone di San Marco

Ultime notizie su Economia

Verso la riforma fiscale. Sanzioni dal 240 al 120%

Sanzioni dimezzate, dall’attuale 240% al 120%; introduzione del principio di proporzionalità rispetto al tipo di omissione o illecito commesso dal contribuente, con l’introduzione di un parametro di riferimento fissato al 70%. Arriva

Il governo, redditometro atto dovuto

“Era un atto dovuto, una misura su cui si è soffermata la Corte dei Conti, che sottintendeva anche un possibile danno erariale per la mancata adozione dei criteri induttivi, sospesi dal 2018,
TornaSu

Don't Miss