L’impennata dei tassi, mutui oltre il 4%

12 Aprile 2023
Lettura 1 min

I tassi di interesse sui prestiti erogati nel mese alle famiglie per l’acquisto di abitazioni comprensivi delle spese accessorie (Tasso annuale effettivo globale, Taeg) si sono collocati al 4,12 per cento a febbraio (3,95 in gennaio). Lo comunica la Banca d’Italia, sottolineando che la quota di questi prestiti con periodo di determinazione iniziale del tasso fino a 1 anno e’ stata del 46 per cento (59 nel mese precedente). Il Taeg sulle nuove erogazioni di credito al consumo si e’ collocato al 9,88 per cento (9,79 nel mese precedente). I tassi di interesse sui nuovi prestiti alle societa’ non finanziarie sono stati pari al 3,55 per cento (3,72 nel mese precedente), quelli per importi fino a 1 milione di euro sono stati pari al 4,39 per cento, mentre i tassi sui nuovi prestiti di importo superiore a tale soglia si sono collocati al 3,04 per cento. I tassi passivi sul complesso dei depositi in essere sono stati pari allo 0,54 per cento (0,49 nel mese precedente). 

 Nel complesso, i prestiti al settore privato, corretti sulla base della metodologia armonizzata concordata nell’ambito del Sistema europeo delle banche centrali (Sebc), sono cresciuti dell’1,1 per cento sui dodici mesi, in rallentamento dal +1,6 del mese precedente. I prestiti alle famiglie sono aumentati del 2,5 per cento sui dodici mesi (3,0 nel mese precedente), mentre quelli alle societa’ non finanziarie sono diminuiti dello 0,5 per cento (nel mese precedente il tasso di variazione sui dodici mesi era risultato nullo). I depositi del settore privato sono diminuiti del 2,4 per cento sui dodici mesi (-1,8 in gennaio). La raccolta obbligazionaria e’ aumentata del 3,9 per cento (0,7 in gennaio).

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

12 aprile – Bossi, cosa scriveva nella prefazione al libro “Lega Lombarda”

Prossimo Servizio

I segreti dei paesi Biellesi, sabato 22 aprile presentata la seconda edizione della guida inattesa a firma Gremmo

Ultime notizie su Economia

Il governo, redditometro atto dovuto

“Era un atto dovuto, una misura su cui si è soffermata la Corte dei Conti, che sottintendeva anche un possibile danno erariale per la mancata adozione dei criteri induttivi, sospesi dal 2018,
TornaSu

Don't Miss