Oggi la “Giornata nazionale del dialetto e delle lingue locali” per iniziativa delle Pro Loco d’Italia

17 Gennaio 2024
Lettura 1 min

Torna la “Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali” che si celebra oggi in tutta Italia attraverso la rete delle Pro Loco, su iniziativa dell’Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia. Le Pro Loco e le altre realtà del territorio che lavorano per la tutela e la valorizzazione di questi patrimoni, segnalate hanno le proprie iniziative attraverso un formulario disponibile su una pagina web dedicata. Gli eventi si svolgeranno fino a domenica 21 gennaio. Nelle passate edizioni sono stati centinaia gli eventi che si sono susseguiti da un capo all’altro del nostro Paese. Anche quest’anno i social media avranno un ruolo importante nella diffusione del messaggio di tutela e trasmissione dei dialetti e delle lingue locali. Sarà infatti possibile partecipare attraverso gli hashtag ufficiali dell’evento (#giornatadeldialetto – #dilloindialetto). La “Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali” è stata istituita dall’Unione Nazionale delle Pro Loco (Unpli) nel 2013 con il preciso intento di sensibilizzare istituzioni e comunità locali alla tutela e valorizzazione di questi patrimoni culturali; attività espletata in piena armonia con le direttive dell’UNESCO presso cui Unpli è accreditata dal 2012, nell’ambito della Convenzione per la salvaguardia dei patrimoni culturali immateriali.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Discarica al Parco del Roccolo, la protesta dei sindaci di Busto Garolfo, Casorezzo e Canegrate su Consiglio di Stato

Prossimo Servizio

Zaia sul fine vita: Da ipocriti sfuggire dal dare una norma di civiltà

Ultime notizie su Cultura

Ci sono Savoia e Savoia….

di Roberto Gremmo – Con tutto il rispetto per il defunto, non credo meriti particolare omaggio il discendente dei Savoia Carignano (ramo cadetto della dinastia). Quando morì Umberto secondo noi autonomisti piemontesi
TornaSu