Il politicamente corretto converte anche gli Uffizi di Firenze: la mostra Black Presence

3 Luglio 2020
Lettura 1 min

di Stefania Piazzo – Ma la domanda sorge spontanea: lo avrebbero fatto senza l”ondata di politicamente corretto arrivata come uno tsunami dagli Usa in Europa e che porta a demonizzare qualsiasi riferimento letterale, artistico, toponomastico, al colore nero?

Detto questo, gli Uffizi di Firenze seguono l’onda e inaugurano la mostra Black Presence. Il percorso propone opere dove la presenza di soggetti di colore scuro della pelle sono protagonisti in pregevoli dipinti. Un omaggio agli elementi artistici della “cultura nera disseminati nella collezione degli Uffizi“, si legge in Arte.it.

L’arte è arte, deve avere per forza un colore? O non è in ossequio al processo di revisione del linguaggio, dai dolci alle strade alle statue, ai nomi dei rifugi dal tetto scuro che i custodi dell’arte nel mondo, simbolo del Rinascimento che ha cambiato la storia, si sentono in obbligo di porgere le loro scuse se l’arte fiorentina è quella che è, semplicemente fiorentina?

Photo by Matteo Lezzi 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

L’attrazione fatale dei padani per il rivone del Po

Prossimo Servizio

Ultimo week di libertà. Zaia: ci vorrebbe carcere per chi sgarra. Da lunedì restrizioni

Ultime notizie su Cultura

Intelligenza artificiale dilaga per fare i compiti

 L’intelligenza artificiale sta rivoluzionando ogni settore, compreso quello dell’istruzione. Secondo una ricerca condotta da Tgm Research per conto di NoPlagio su un campione di mille persone, il 71% dei ragazzi dai 16
TornaSu