“Via il nome di Anna Frank in un asilo”. La Germania del politicamente “corretto”?

7 Novembre 2023
Lettura 1 min

 “La direzione di un asilo di Tangerhütte, in Sassonia-Anhalt, ha proposto di cambiare il nome dell’istituto che dal 1970 è intitolato ad Anne Frank, figura simbolica della Shoah. Le motivazioni? Il nome sarebbe ‘troppo difficile da spiegare ai bambini” e potrebbe non essere conosciuto dai genitori con un passato migratorio. Credo che esattamente per questi motivi quel nome deve essere mantenuto. Certo, è troppo difficile da spiegare. Ma va spiegato, altrimenti si riproporrà. Per altri bambini. A maggior ragione per chi si vuole inserire nel contesto culturale e sociale europeo. Non sarà con una ipocrita cancellazione culturale che potremo costruire le basi del domani, ma con la piena quando scomoda accettazione della realtà. Giù le mani da Anna Frank”. Lo scrive su X il senatore di Italia viva, Enrico Borghi, capogruppo al Senato. 

credit foto ronni-kurtz-Q7QbbMzWaJY-unsplash

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

La Francia crea il “bonus riparazioni” per scarpe e vestiti. Come si faceva un tempo prima di buttare…

Prossimo Servizio

Pensioni, il Sud versa solo il 20% dei contributi. Il Nord copre entrate e uscite e paga per chi non versa. Altro che riforma del governo…

Ultime notizie su Cronaca

Perquisita Fondazione Olimpiadi Milano-Cortina

 Tre affidamenti “opachi” in cambio di soldi e un’auto, il sospetto su altre procedure adottate per la scelta di fornitori e sponsor in campo digitale e per alcune assunzioni di dipendenti della
TornaSu