Sciopero lavoratori Amazon il 24 novembre

21 Novembre 2023
Lettura 1 min

Le lavoratrici e i lavoratori Amazon di 30 paesi nel mondo torneranno a scioperare per il quarto anno consecutivo il 24 novembre per chiedere al colosso dell’e-commerce non solo una retribuzione più equa e dignitosa, ma anche un impegno preciso per ridurre il proprio impatto ambientale e da pagare per tutto le tasse che deve nei paesi in cui opera. 

La data del 24 novembre non è scelta a caso, trattandosi dell’ormai tradizionale Black Friday, giornata chiave per le aziende commerciali e per Amazon, che sulle offerte lanciate proprio in questa giornata punta incassi sempre più consistenti. La campagna di mobilitazione globale ha preso il nome di “Make Amazon Pay” (tradotto con “Amazon deve pagare”) inteso come debito che la multinazionale ha nei confronti dei propri dipendenti, della società, del pianeta. 

“Amazon prende troppo – si legge nel sito del movimento cui aderiscono centinaia di associazioni – e restituisce troppo poco. È il momento di far sì che Amazon paghi!” .

Anche in Italia il sistema Amazon è chiamato a incrociare le braccia, in tutti i magazzini dislocati sul territorio nazionale e in particolar modo in quello di Castel San Giovanni (PC) dove, dall’inizio di ottobre, da quasi due mesi, è in atto una mobilitazione che ha già portato i dipendenti ad effettuare ben tre giornate di sciopero l’11 e il 17 ottobre e il 7 novembre. 

Le rivendicazioni chiare: un incremento di retribuzione inaccettabile a fronte dell’andamento economico di Amazon; l’assenza di forme di welfare e il mancato aumento dell’importo del buono pasto, la mancanza di attenzione alle problematiche di salute e sicurezza; il continuo ricorso a contestazioni disciplinari per futili motivi. Una delegazione di lavoratori dell’hub piacentino parteciperà, sotto le insegne di Filcams Cgil, al presidio internazionale promosso da Uni Global Union a Coventry, sempre nella giornata chiave del Black Friday presso una delle più rappresentative sedi di Amazon. 

La campagna globale di sensibilizzazione parte dal presupposto che anche le aziende multinazionali devono assumersi la responsabilità di intervenire per mitigare l’impatto ambientale della loro attività, puntando a migliorare le condizioni sociali e ambientali, con l’attenzione rivolta anche al miglioramento delle condizioni di lavoro dei propri dipendenti. Questo, se rapportato all’attività e ai profitti di Amazon degli ultimi tre anni (che con la pandemia raggiunto hanno vette impensabili). 

“Amazon – recita uno degli slogan della campagna – può permettersi di pagare, ma lo farà solo se costretta a farlo, sotto la pressione di un movimento globale di sensibilizzazione ai problemi ambientali e sociali causati dalla multinazionale”, esplicitando in tre punti chiave le richieste di Fai pagare Amazon.

(fonte https://agenparl.eu)

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Italia tra i Paesi più cari per la bolletta della luce

Prossimo Servizio

Femminicidi: alla radice, secondo Ricolfi, la “colpa” delle donne di essere avanzate nelle società più avanzate

Ultime notizie su Cronaca

Allerta gialla ancora al Nord

Ancora piogge e temporali al nord , allerta gialla in quattro regioni. Un nuovo impulso perturbato, di origine atlantica, in rapido avvicinamento alle regioni settentrionali del nostro Paese, porterà ancora condizioni di

E Ciocca rilancia Miss Padania. Dopo 12 anni

Dopo 12 anni di stop, torna Miss Padania by Ciocca, il concorso che valorizza la bellezza dei valori e le tradizioni del Nord Italia. L’evento, fortemente voluto dall’europarlamentare della Lega Angelo Ciocca,
TornaSu