Marocco, più di 800 morti. Epicentro terremoto vicino Marrakesh

9 Settembre 2023
Lettura 1 min

Scene di panico, danni ingenti e un numero di vittime elevatissimo, destinato ad aumentare nelle prossime ore. E’ stata una notte da incubo quella vissuta dal Marocco, colpito da un terremoto devastante. Il sisma, di intensità pari a 7 sulla scala Richter, ha avuto il suo epicentro a 72 chilometri a sudest della città di Marrakesh, a una profondità di 10 chilometri. Secondo i media locali è stato il più forte mai registrato nel Paese.

Il bilancio, confermato dal ministero dell’Interno, è ancora provvisorio: almeno 820 i morti e 672 i feriti, 205 dei quali versano in gravi condizioni. Al momento non sarebbero rimasti coinvolti cittadini italiani nel Paese, ha assicurato il ministro degli Esteri Antonio Tajani. La Farnesina, comunque, continua a seguire la situazione minuto per minuto. Le mura della median, la città vecchia sono crollate. Le persone sono corse in strada, mentre case ed edifici si sbriciolavano alle loro spalle. Parte di un minareto è crollato nella famosa piazza Jemaa el-Fna, cuore pulsante di Marrakesh, lasciando ferite due persone. Il terremoto ha causato danni ingenti in diverse città. In una località della provincia di Al-Haouz, epicentro del terremoto, una famiglia è rimasta intrappolata tra le macerie dopo che la loro casa è crollata, secondo quanto riportato dai media.

Oltre a Marrakesh, il sisma è stato avvertito anche a Rabat, Casablanca, Agadir ed Essaouira, seminando il panico tra la popolazione. Il ministro degli Interni, Abdelouafi Laftit, ha affermato in una conferenza stampa, che molte delle vittime si trovano in aree remote del Paese. Il sisma, ha precisato, ha colpito anche una regione scarsamente popolata nelle montagne dell’Atlante e ci sono notizie di famiglie intrappolate sotto le macerie delle loro case. Gli ospedali di Marrakesh hanno registrato un afflusso di feriti molto consistente e le autorità hanno invitato i residenti a donare il sangue. Le autorità marocchine, i militari e i servizi di emergenza stanno lavorando per aiutare le popolazioni colpite dal terremoto, ha detto Laftit, che ha ricordato anche diversi danni materiali, compreso il crollo di numerose case e altri edifici. Le forze armate, le autorità locali, i servizi di sicurezza e la protezione civile in tutte le regioni colpite continuano a mobilitarsi e a sfruttare tutti i mezzi e le capacità per fornire l’assistenza necessaria e valutare i danni, ha aggiunto il Ministro.(Segue) Coa 20230909T124741Z

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Inflazione, in 6 mesi prelevati 71 miliardi dai conti

Prossimo Servizio

In attesa del nuovo rialzo dei tassi, mentre la benzina corre senza freni

Ultime notizie su Cronaca

Perquisita Fondazione Olimpiadi Milano-Cortina

 Tre affidamenti “opachi” in cambio di soldi e un’auto, il sospetto su altre procedure adottate per la scelta di fornitori e sponsor in campo digitale e per alcune assunzioni di dipendenti della
TornaSu