Italia, il Paese in cui si multa il medico che lavora troppo

23 Ottobre 2023
Lettura 1 min

“L’Italia è un paese davvero particolare ed anche ingrato. I medici sono pagati meno che nel resto d’Europa, lavorano in condizioni logistiche e organizzative disagiate, vengono presi a schiaffi e a pugni dai pazienti e ora vengono multati perché lavorano troppo”. E’ la riflessione di Matteo Bassetti, direttore Malattie infettive dell’ospedale policlinico San Martino di Genova, che su X commenta la vicenda del direttore dell’Unità operativa Pronto soccorso e Medicina d’emergenza e urgenza dell’Azienda ospedaliera universitaria Policlinico Bari, Vito Procacci, che si è visto comminare una multa – insieme ad altri medici dirigenti ospedalieri – per aver lavorato troppo nel periodo dell’emergenza Covid. Multe poi sospese con l’intervento delle istituzioni. “Quando ho letto la notizia, ho pensato ad uno scherzo di pessimo gusto – scrive Bassetti – E invece era tutto vero. Vito Procacci ha ricevuto una multa di 27.100 euro dall’Ispettorato del lavoro per aver sforato il consueto orario di lavoro durante il periodo della pandemia, quando dirigeva il Pronto soccorso dell’ospedale di Bari. Vi rendete conto in che paese viviamo?”. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Elezioni, Provincia Bolzano: crollo della Lega al 3%. Avrà solo un consigliere. Successo di Süd-Tiroler Freiheit, con 4 eletti. E ora si attende l’esito di Trento

Prossimo Servizio

Trentino, verso riconferma di Fugatti alla presidenza

Ultime notizie su Cronaca

Allerta gialla ancora al Nord

Ancora piogge e temporali al nord , allerta gialla in quattro regioni. Un nuovo impulso perturbato, di origine atlantica, in rapido avvicinamento alle regioni settentrionali del nostro Paese, porterà ancora condizioni di

E Ciocca rilancia Miss Padania. Dopo 12 anni

Dopo 12 anni di stop, torna Miss Padania by Ciocca, il concorso che valorizza la bellezza dei valori e le tradizioni del Nord Italia. L’evento, fortemente voluto dall’europarlamentare della Lega Angelo Ciocca,
TornaSu