Crisi Mar Rosso, emergenza ambientale per affondamento nave con fertilizzanti

4 Marzo 2024
Lettura 1 min

 L’affondamento della nave portarinfuse Rubymar di proprietà britannica dopo un attacco missilistico Houthi al largo delle coste dello Yemen minaccia di causare una crisi ambientale nel Mar Rosso meridionale e aumenta ancora una volta i rischi della spedizione di merci attraverso il critico stretto di Bab al -Mandab. La nave da carico generale da 32.211 tonnellate di portata lorda, che trasportava 18.000 tonnellate di fertilizzante a base di fosfato di ammonio proveniente dall’Arabia Saudita, è affondata sabato, ha detto il broker della nave, 13 giorni dopo essere stata gravemente danneggiata da un missile Houthi proveniente dallo Yemen ed essere diventata la prima nave persa. da quando a novembre sono iniziati gli attacchi alle navi del Mar Rosso. “Sì, è affondata”, ha detto a S&P Global Commodity Insights il Ceo di Blue Fleet Group, Roy Khoury. “Nessun porto accetta la nave. È un disastro.” 

Il carico di fertilizzanti della nave affondata “presenta un rischio ambientale nel Mar Rosso”, ha affermato il Comando Centrale degli Stati Uniti in una dichiarazione del 3 marzo. “Mentre la nave affonda presenta anche un rischio di impatto nel sottosuolo per le altre navi che transitano sulle trafficate rotte marittime del corso d’acqua”. Il Mar Rosso contiene delicati ecosistemi marini, comprese le barriere coralline, che potrebbero essere devastati dalla diffusione del carico di fertilizzanti. La possibilità che altre navi possano imbattersi nella Rubymar affondata aggiunge anche un altro rischio all’ingresso nella Bab al-Mandeb. La nave portarinfuse battente bandiera del Belize e di proprietà del Regno Unito era stata colpita da un missile balistico antinave il 18 febbraio ed è affondata alle 2.15, ora dello Yemen, il 2 marzo. Aveva imbarcato lentamente acqua dall’attacco mentre il Blue Fleet Group cercava aiuto per salvare la nave. Gli appelli ai porti degli Emirati Arabi Uniti, dell’Africa, dell’Arabia Saudita e dell’Oman sono stati ignorati o respinti, con il broker che ha attribuito la mancanza di assistenza alle continue minacce degli Houthi. “Nessuno è venuto ad assistere nel salvataggio della nave, probabilmente perché temevano per la loro sicurezza se hanno fatto qualcosa, dato che gli Houthi sono molto imprevedibili”, ha detto un funzionario marittimo regionale a S&P, chiedendo di restare anonimo. “Alla fine, i responsabili di questo terribile risultato sono gli Houthi e nessun altro”. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Non ci sono lavoratori specializzati. Emergenza che supera i danni da burocrazia

Prossimo Servizio

Questione invasi, il sindaco di Torino: Acqua sprecata e alluvioni, la politica non ci pensa ancora?

Ultime notizie su Cronaca

TornaSu