Sanchez: Amnistia per leader indipendentisti catalani è nell’interesse della Spagna

15 Novembre 2023
Lettura 1 min

Il candidato alla presidenza del governo spagnolo, Pedro Sanchez, ha difeso l’amnistia per i leader indipendentisti catalani, definendola una misura “in nome della Spagna , nell’interesse della Spagna e in difesa dell’armonia tra gli spagnoli”. Nel suo discorso alla plenaria per l’investitura al Congresso, Sanchez ha chiarito che l’amnistia sara’ approvata “alla luce del sole e in totale trasparenza”. “Non sara’ un attacco alla Costituzione del ’78, ma tutt’altro, un ulteriore esempio della sua forza e validita’”, ha aggiunto.

 Per Sanchez, “La discordia è contro la prosperità: qui scommettiamo per un futuro di convivenza e sviluppo. Il governo che vado a guidare crede nell’unità nazionale: una Spagna unita è una Spagna migliore. Ma la domanda che dobbiamo farci è, come garantire convivenza con la Catalogna”. Lo afferma affrontando il nodo dell’accordo con gli indipendentisti catalani in cambio dell’amnistia. “Abbiamo di fronte o la via della contrapposizione e dello scontro o quella del perdono. La prima è quella seguita dal Pp che ha portato alla peggiore crisi della nostra storia. O la nostra basata sul dialogo la pace sociale e la riconciliazione. Cosa preferisce la gente: la Catalogna del 2017 (nda. l’epoca dei gravissimi scontri di piazza con i secessionisti) o quella del 2023. Noi scommettiamo sul dialogo”. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Le “ragioni” del Garante sullo stop allo sciopero. Sindacati rischiano fino a 50mila euro di multa

Prossimo Servizio

Salvini: ordinanza per ridurre da 24 a massimo 4 ore lo sciopero

Ultime notizie su Politica

TornaSu