“Il 75% dell’ecologismo è di facciata”

28 Marzo 2023
Lettura 2 min

L’attività di riforestazione è importantissima per combattere il cambiamento climatico, ma gli alberi devono essere veri alberi. Sulla piantumazione Ener2Crowd.com investe già molto, ma poi controlla e verifica che gli alberi siano effettivamente piantati, che crescano e siano in buona salute. Altrimenti ogni sforzo si vanifica. “Proprio per questo ci siamo dotati di un comitato etico e per la riforestazione abbiamo scelto un partner di indubbia moralità quale ZeroCo2” mette in evidenza Niccolò Sovico, ceo, ideatore e co-fondatore insieme a Giorgio Mottironi, Sergio Pedolazzi e Paolo Baldinelli della società benefit proprietaria della piattaforma Ener2Crowd.com. 

La piattaforma dice basta all’ecologismo di facciata. Basta agli alberi fantasma, ai fondi verdi che invece sono grigi, alle etichette ecologiche fasulle, alle pubblicità eco-friendly dubbie: il 75% dell’ecologismo è falso. “I tre quarti delle dichiarazioni che vediamo sul mercato sono deboli, ingannevoli o addirittura false. Questo danneggia la fiducia dei cittadini e penalizza le aziende che davvero sono ecologiche e fanno sforzi reali verso una maggiore sostenibilità” mettono in evidenza gli analisti di Ener2Crowd.com , la prima ed unica piattaforma italiana di lending crowdfunding ambientale ed energetico.

 Sugli “alberi di facciata”, Ener2Crowd.com aveva lanciato l’allarme in occasione del primo GreenVestingForum che si è tenuto a Milano lo scorso ottobre, scendendo in campo sulla specifica questione dei semi. “Una cosa è piantare un seme ed un’altra cosa è piantare un’albero” sottolinea Giorgio Mottironi, CSO e co-fondatore di Ener2Crowd, che aveva preso una posizione molto forte anche in relazione agli ultimi Mondiali di Calcio, quando il Qatar aveva promesso che il torneo si sarebbe disputato a zero emissioni di CO2 mentre invece ha generato 3,6 milioni di tonnellate di CO2. 

L’anno scorso Ener2Crowd.com aveva puntato l’ indice anche sui 388 tra gli 838 fondi azionari “verde scuro” (articolo 9) presenti sul mercato europeo che investono in società attive nei combustibili fossili e nel trasporto aereo, a causa dei settori che sono maggiormente responsabili del cambiamento climatico e del riscaldamento globale. Ora questi fondi sono stati declassati ed il loro patrimonio è sceso di 175 miliardi di euro (-40%). 

Ener2Crowd ha appositamente sviluppato una tecnologia in grado di monitorare e certificare le riduzioni di emissioni climalteranti che finalmente potrà garantire un mercato dei crediti di carbonio efficace e trasparente. Grazie ad un’iniziativa dell’Istituto per il Commercio Estero (ICE) questa tecnologia è già stata presentata con grande successo negli Stati Uniti. 

“Vogliamo che i cittadini ottengano un’ informazione affidabile, che sia coerente e verificabile. Un’informazione trasparente e facile da comprendere, proprio come facciamo noi con gli investimenti che proponiamo sulla nostra piattaforma. Una trasparenza che è reclamata anche da tutte le aziende veramente green, che vogliono appunto una maggiore sicurezza giuridica e delle regole del gioco eque che stimolino la competitività degli operatori economici che si sforzano di aumentare la sostenibilità ambientale delle loro diverse attività” spiega Niccolò Sovico.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Evadono il fisco per 20 anni…

Prossimo Servizio

Padania e Costituzione. Teoria e pratica politica

Ultime notizie su Economia

Verso la riforma fiscale. Sanzioni dal 240 al 120%

Sanzioni dimezzate, dall’attuale 240% al 120%; introduzione del principio di proporzionalità rispetto al tipo di omissione o illecito commesso dal contribuente, con l’introduzione di un parametro di riferimento fissato al 70%. Arriva

Il governo, redditometro atto dovuto

“Era un atto dovuto, una misura su cui si è soffermata la Corte dei Conti, che sottintendeva anche un possibile danno erariale per la mancata adozione dei criteri induttivi, sospesi dal 2018,
TornaSu