Piersilvio, “Non vendiamo a nessuno e non entro in politica”

6 Luglio 2023
Lettura 1 min

 La commozione per il papa’ “che mi manca ogni giorno di piu'”, ma anche la determinazione nel proseguire la sfida degli affari, con la sua Mediaset, ora Mfe-MediaforEurope: “Andremo avanti nel nostro progetto industriale che punta a creare un operatore paneuropeo della televisione. Servira’ pazienza, sangue freddo. Ma li’ stiamo”. Lo ha detto alla “Stampa” Pier Silvio Berlusconi. Si tuffa, come ogni anno, in quel rito laico della presentazione dei palinsesti. Lo studio e’ il numero 20, lo stesso dove, a funerali appena finiti, suono’ la squilla ai dipendenti che lo sorpresero li’ riuniti: “Da domani facciamo un click e torniamo a essere un’azienda viva”. E di quell’azienda si ripresenta come leader. Sui maxischermi scorrono le immagini di una vita, tra Silvio e Pier Silvio, un lungo passaggio di testimone. E lui chiarisce subito che tanto inchiostro e’ stato sprecato: “Se mi chiedete se in famiglia abbiamo mai parlato di una cessione, la risposta e’: No”. Eppure la scomparsa del Cavaliere, aveva da subito scatenato illazioni, qualche fantasia, appetiti. “In famiglia non vogliamo osare l’impressione di compattezza: c’e’ compattezza”. “Voglio un bene enorme a mia sorella Marina, e voglio un bene enorme ai miei fratelli Barbara, Eleonora e Luigi. Ognuno fa il proprio mestiere, ma la compattezza e’ assoluta”, ha spiegato Pier Silvio. C’era una cosa sola che alla fin dei conti avrebbe potuto separare le strade tra Pier Silvio e la sua Mediaset: la politica. “Un moto l’ho avuto”, ammette. Piu’ emotivo che altro, specificando, “pensando che non vada perduto il lascito di Forza Italia”, l’altra eredita’ del “mio amatissimo papa’”. Comunque “io ho 54 anni e mio padre e’ entrato in politica a 58”.

Ma la decisione adesso e’ ben salda: restare in azienda. Tre le ragioni. “La politica e’ un mestiere serio. I mestieri si studiano e ancora di piu’ si imparano”. In secondo luogo “anche mai fosse, io non penso sia giusto lasciare le cose a meta’. Oggi Mediaset sta attraversando un momento importantissimo, di nuovi progetti, di sviluppo. Ritengo che io debba rimanere a Mediaset a fare il mio mestiere”. Ma e’ il terzo motivo, “il piu’ importante di tutti: anche mai fosse, ma cosi’ non e’, e dovessi sentire un qualche tipo di chiamata, non bisogna dimenticare perche’ si fanno le cose. Uno entra in politica pensando di dare un servizio agli italiani. Ma oggi non c’e’ nessuna urgenza. Per la prima volta dopo tanti anni c’e’ un governo che e’ stato votato dagli elettori, che sta facendo al suo meglio. Penso che Forza Italia debba e possa garantire stabilita’ al governo”. Detto cio’: “Io non ho intenzione di scendere in politica”, scandisce. Con Giorgia Meloni, confessa pero’, ha un “buon rapporto, ci conosciamo da molti anni , e’ giovane e decisa: ha la mia stima”, ha concluso Pier Silvio Berlusconi.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Berlusconi nel testamento: “Tanto amore a tutti voi”

Prossimo Servizio

Commissione Covid, Regioni “assolte” d’ufficio?

Ultime notizie su Cronaca

Il balletto del Superbonus

Il decreto Superbonus, su cui il governo ha posto la fiducia al Senato, è passato con il voto a favore di tutti i gruppi di maggioranza. La fiducia è stata approvata con 101
TornaSu