Categorie: Lo Zoo

Il benessere animale e i bovini vaganti secondo un sindaco calabrese. Oipa: Abbattere animali sì, sanzionare allevatore no?

Contro l’ordinanza di abbattimento di un gruppo di bovini vaganti a Verbicaro, nel Cosentino, l’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) ha presentato ricorso al Tar della Calabria insieme alle associazioni Rispetto per tutti gli animali Stop Animal Crimes Italia. Le associazioni chiedono l’annullamento, previa la sospensione dell’efficacia, dell’ordinanza firmata dal sindaco Francesco Silvestri il 4 aprile scorso che dispone la cattura e l’abbattimento degli animali.

«Si tratta di un abbattimento di cui non si vede la necessità e senza alcun fondamento scientifico che attesti la pericolosità ed il potenziale pericolo che costituirebbe questo gruppo di bovini, stimato tra i 50 e gli 80 esemplari», spiega la responsabile dell’Ufficio legale dell’Oipa, l’avvocato Claudia Taccani. «Auspichiamo che non si proceda all’esecuzione dell’ordinanza prima dell’udienza per discutere la nostra istanza cautelare per la sospensione».

L’Oipa sottolinea che la decisione impugnata non è stata adottata a seguito di un’adeguata attività istruttoria e il sindaco, da quanto emerge dagli atti, non ha preso in esame eventuali soluzioni alternative e si limita a riferire di aver interessato il Prefetto di Cosenza, il quale avrebbe convocato il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, senza richiamare alcun parere reso.

Secondo il provvedimento del sindaco Silvestri, questi animali rappresenterebbero un rischio per l’incolumitàpubblica poiché non sono mai stati sottoposti a controlli sanitari e poiché, alla ricerca di cibo, danneggerebbero dei terreni privati.

L’Oipa sostiene che, in virtù della dichiarata conoscenza dell’appartenenza dei bovini a un noto allevatore, il sindaco avrebbe dovuto sanzionare quest’ultimo secondo la normativa vigente ed evidenzia come nessuna delle fonti normative disciplinanti la materia contempli la sanzione dell’abbattimento “per la violazione degli obblighi di natura formale inerenti l’identificazione e la registrazione dei bovini”.

L’associazione chiede dunque la sospensione e l’annullamento dell’ordinanza e di prevedere misure alternative e rispettose della vita degli animali (messa in sicurezza e controlli sanitari) per una risoluzione pacifica della vicenda.

Redazione

Articoli recenti

Chiesa grandiosa e spettacolare, stato e politica italiana senza  soldi e senza onori

di Sergio Bianchini - La visione delle riprese televisive del Papa con i bambini e…

11 minuti fa

Meloni, l’Europa deve cambiare priorità e occuparsi di meno cose

"Penso che l'Europa debba cambiare nelle proprie priorità. La sfida è che l'Europa si occupi…

5 ore fa

Abbattere liste d’attesa in farmacia? Cimest, scelta sbagliata

"L'abbattimento delle liste di attesa in farmacia è una scelta sbagliata che non tutela il…

5 ore fa

Reguzzoni con Pagliarini e Albertini a Milano, “Vento di cambiamento”

Riceviamo da Alleanza per l’Autonomia e pubblichiamo - Appuntamento importante Martedì 28 Maggio alle 18.30…

5 ore fa

Il video della candidata leghista per il voto disgiunto in Piemonte e le scuse di Allasia al centrodestra con Cirio

''E' stata una leggerezza che è stata fatta, da ritirare e per cui chiedere scusa…

22 ore fa

Taglio ai Comuni, in nome dell’autonomia

“Le modalità con le quali il MEF intende applicare ai Comuni la spending review prevista dalla legge…

1 giorno fa

Usiamo cookie per ottimizzare il nostro sito web ed i nostri servizi.

Leggi tutto