Categorie: Cronaca

Perquisita Fondazione Olimpiadi Milano-Cortina

 Tre affidamenti “opachi” in cambio di soldi e un’auto, il sospetto su altre procedure adottate per la scelta di fornitori e sponsor in campo digitale e per alcune assunzioni di dipendenti della Fondazione chiamata a gestire l’evento MILANO – CORTINA 2026. E’ questo il perimetro dell’inchiesta, su corruzione e turbativa d’asta, della procura di MILANO che ha portato a indagare l’ex ad di MILANO CORTINA, Vincenzo Novari, l’ex dirigente Massimiliano Zuco e l’imprenditore Luca Tomassini.

Mattinata oggi quindi di perquisizioni e ispezioni di sistemi informatici nelle sedi della Fondazione e di una società a Orvieto alla quale sono assegnati i servizi digitali per l’evento sportivo: a effettuarle il nucleo di Polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza su incarico della Procura di MILANO , che ha aperto un’inchiesta per corruzione e turbativa d’asta a carico di tre persone, fra cui l’ex amministratore delegato di MILANO – CORTINA Vincenzo Novari.

“Gli accertamenti in corso – ha fatto sapere il pro. curatore Marcello Viola – hanno ad oggetto anche le procedure adottate per la scelta dei fornitori e degli sponsor tecnologici nonché per l’assunzione di dipendenti della Fondazione: in proposito è stata disposta l’acquisizione dei relativi atti e documenti nonché l’audizione di alcuni dipendenti della Fondazione stessa nella qualità di persone informate sui fatti”. “Il management del Comitato Organizzatore dei Giochi Olimpici e Paralimpici ha prestato massimo supporto e piena collaborazione alle Forze dell’Ordine. Nessun dirigente o dipendente attuale della Fondazione risulta indagato”, fanno sapere dalla stessa Fondazione.

 “Ovviamente c’è massima disponibilità nel fornire tutte le carte, tutti i documenti, gli attestati – ha commentato Giovanni Malagò, numero uno del Coni ma anche presidente della Fondazione MILANO – CORTINA – Ancora una volta, fermo restando la speranza sulla bontà dell’operato, la garanzia dell’innocenza e della trasparenza, lo sport in termini di immagine è vittima di tutto questo”. “La Guardia di Finanza fa un lavoro egregio e ha il nostro sostegno – le parole del ministro dello Sport, Andrea Abodi – La Fondazione deve essere ed è una casa di vetro e chiunque voglia guardarci dentro deve trovare risposte sulla trasparenza e sui comportamenti gestionali” . L’inchiesta, ad ogni modo, non influenzerà l’andamento dei lavori per i Giochi, “anche perché – fanno sapere fonti del Mit – riguardano la Fondazione che non ha ruoli operativi sulla realizzazione delle opere, che è invece compito della società Simico” . 

Stefania Piazzo

Articoli recenti

AUTONOMIA DIFFERENZIATA-LA RIFORMA IMPOSSIBILE CHE FA COMODO A TUTTI, CON UN “FRONTE DEL NO” E UN “FRONTE DEL NORD”

di Cuore Verde - A differenza degli esperti che, in questi giorni, si prodigano a…

6 ore fa

Gremmo: materiale elettorale nel porto delle nebbie. E quei voti negati al piemontesista Allasia

di Roberto Gremmo - Continuo a ricevere segnalazioni sulla consegna del mio materiale elettorale spedito…

7 ore fa

“Il deficit si combatte solo con la crescita economia reale. Lo Stato è invadente, si perdono imprese”

"L'economia italiana, negli scorsi giorni, è stata al centro di un intenso scrutinio da parte…

7 ore fa

Unimpresa: Italia ed evasione Iva. In Europa peggio di Germania, Francia, Spagna e Olanda

Nel 2022 il nostro paese ha fatto notevoli miglioramenti nel contrasto all'evasione dell'IVA, ma il…

7 ore fa

BALLOTTAGGI – Al voto in più di 100 Comuni. Attesa per Firenze, Bari….

Urne aperte dalle ore 7, in oltre 100 comuni italiani, per i ballottaggi delle elezioni…

7 ore fa

IL SOLITO FILM – Lo Stato il peggior pagatore. Pmi del Sud quelle che aspettano di più. I ministeri maglia nera

122 miliardi di euro, ma ancora una volta non è riuscito a onorare tutti gli…

7 ore fa

Usiamo cookie per ottimizzare il nostro sito web ed i nostri servizi.

Leggi tutto