Zaia: Draghi prenda in mano ferocemente partita vaccini. Valutare quello cinese e russo

Lettura 1 min

“Spero che Draghi prenda in mano velocemente e ferocemente la partita dei vaccini. Perche’, se aspettiamo l’Europa, moriremo tutti senza vaccino. Non perche’ non saremo vaccinati, ma per la vecchiaia”. Cosi’ il presidente del Veneto, Luca Zaia, che non ha affatto parole di biasimo per l’Austria e la Danimarca che hanno annunciato di muoversi in autonomia alla ricerca di dosi.

“Per fortuna non l’ho fatto io – ha ironizzato – altrimenti mi arrestavano. Peggio di cosi’ l’Ue non poteva fare. L’Austria, ma anche la Danimarca non sono paesi che non conoscono l’Europa. Senza parlare di altre nazioni che si stanno muovendo per la stessa ragione e tacciono. Spero che la loro azione serva per dare una svegliata all’Ue”. Zaia infine ha auspicato che il “vaccino cinese e lo Sputnik russo debbano essere valutati: noi ha concluso – non siamo i detentori del sapere”.

Servizio Precedente

Partito Comunista, dopo 100 anni ardono le braci della verità di Bordiga

Prossimo Servizio

Bertolaso: tutta Italia verso zona rossa

Ultime notizie su Veneto