Zaia, 11 giugno stadi aperti per Italia-Turchia? Allora liberi tutti. E Draghi cerchi vaccini sul mercato

Lettura 1 min

“Ho visto che l’11 giugno ci saranno gli europei con lo stadio aperto per Italia-Turchia…. liberi tutti allora? Ci entreranno 20 mila persone all’Olimpico, immagino che l’11 di giugno sia la parte finale della ‘liberazione’ “. Lo ha detto il governatore del Veneto Luca Zaia, dicendosi convinto che sia “inevitabile andare verso una fase di convivenza con il virus”. “Chi la volesse leggere in maniera maldestra – ha aggiunto – potrebbe dire che sto parlando male di questa apertura. Invece dico: ‘bene’, prendiamo atto che l’11 giugno siamo aperti, vediamo di capire strada facendo cosa si puo’ aprire in questi 60 giorni”.

 La situazione dei vaccini, ha poi aggiunto il governatore, “è un disastro, non do colpe a nessuno e sento quotidianamente il Commissario Figliuolo ma anche lui fa con quello che ha. È ora che il presidente del Consiglio vada sul mercato a cercarli: poi magari non funziona, ma almeno lo sappiamo”.

Servizio Precedente

Covid, 5G, opinioni e credenze. La differenza tra elettori di destra e sinistra

Prossimo Servizio

Femminicidi, la lunga scia di delitti a Torino sotto la lente dell'Università

Ultime notizie su Veneto