Per Zaia anche i veterinari possono effettuare i test per il coronavirus: “L’uomo è un mammifero”

Lettura 1 min

Nella conferenza di ieri, il presidente della regione Veneto, Luca Zaia ha dichiarato di voler obbligare i medici di base ad effettuare i test antigenici in ambulatorio. Ma alcuni sindacati, tra cui Snami del Veneto e Fimmg di Vicenza e Treviso, si sono rifiutati di aderire alla direttiva regionale. Ma non solo. Ha dichiarato la volontà dell’utilizzo dei veterinari per effettuare i tamponi: “l’uomo è un mammifero”.

«L’uomo è un mammifero. Tutti i mammiferi hanno sette vertebre cervicali. Tutti i mammiferi sono catalogati in questa categoria perché allattano il nascituro […] e a livello di mammiferi i veterinari sono degli esperti. Noi siamo un animale, un mammifero. Non c’è nulla di trascendentale nel pensare di fare un percorso assieme ai veterinari. […] Abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti per fare tamponi. I veterinari sanno benissimo come è fatto il corpo umano perché conoscono benissimo l’anatomia. Fanno due esami di anatomia. Conoscono la fisiologia, fanno l’esame di fisiologia.

Queste le dichiarazioni di Zaia, che hanno creato molte polemiche.

Default thumbnail
Servizio Precedente

Direttore Spallanzani: "Tutta Europa è zona rossa. Emergenza per tutto il 2021"

Default thumbnail
Prossimo Servizio

Divisione delle regioni: utile per disunire la possibile protesta?

Ultime notizie su Veneto