Inps ammette: un terzo imprese ha anticipato cassa integrazione

Lettura 1 min

Molte aziende “sono in difficoltà e in ogni caso è un ritardo da colmare” quello del pagamento della cassa integrazione. Per questo “bisogna semplificare le procedure. All’inizio quella della cig in deroga erano ingestibili. E ora con l’ultimo decreto Agosto le cose si complicano, con il requisito del calo del fatturato e dei relativi contributi a carico dell’impresa” ma “col presidente c’è un confronto faticoso sull’accesso ai dati, quasi fossero segreti”. Lo ha ammesso al ‘Corriere della Sera’, Guglielmo Loy, presidente del Consiglio di indirizzo e vigilanza dell’Inps. Sulla cassa integrazione in arretrato che, secondo i nuovi dati fatti elaborare in replica alle polemiche, sono 20mila e non 294mila, spiega: “Cominciamo col dire che non vanno mischiate mele e pere. Il dato fornito da Tridico si riferisce all’ultima tappa di un lungo percorso, il pagamento delle domande accettate. Ma non comprende l’insieme delle aziende la cui domanda non è stata ancora accettata, comprese quelle che hanno anticipato la cig e sono ancora in attesa dei relativi rimborsi Inps”, che sono “circa un terzo delle domande”, aggiunge Loy. 

Default thumbnail
Servizio Precedente

Bill Gates, vaccino per tutti o sarà il disastro. Non ce n'è abbastanza...

Prossimo Servizio

SEGRETI DI STATO - Arcuri, i bandi covid no. Tridico, i nomi dei parlamentari col bonus no. In che razza di Repubblica siamo?

Ultime notizie su Veneto