Green pass, Zaia: Nella Lega vince linea dei governatori

Lettura 1 min

“Nella Lega la linea che vince e’ quella della responsabilita’ messa nero su bianco dai governatori”. E’ quanto afferma il presidente del Veneto Luca Zaia in un’intervista al Corriere della Sera, parlando del Green pass e piu’ in generale della lotta al Covid. Allineati tra loro i presidenti di Regione leghisti Zaia, Fontana e Fedriga. “Poi, se resta qualche nostalgico del no green pass o del no mask, ne prenderemo atto”, ha detto. La linea dei governatori leghisti l’ha espressa Zaia: “La nostra stella polare e’ il riconoscimento della campagna vaccinale e della sua promozione, e dall’altro lato il riconoscimento del green pass, che e’ una patente di liberta’”, sottolinea, e precisa: “Forse piu’ che una patente di liberta’ e’ un attestato di partecipazione alla vita di comunita’”. Vaccinarsi per il governatore leghista “e’ un gesto di altruismo”. E guarda con favore ai tanti giovani che lo hanno fatto. “Hanno capito che il green pass e’ la liberta’. Del resto, oggi i ragazzi conoscono le lingue, fanno l’Erasmus, viaggiano… Non sono come certi leoni da tastiera che fanno spola tra il divano, il pc e il bagno”. 

Servizio Precedente

Reddito cittadinanza: ogni assunto è costato allo Stato 52mila euro, il doppio

Prossimo Servizio

ELEZIONI - Grande Nord e Paragone Sindaco, martedì insieme le liste per Milano

Ultime notizie su Veneto