ASIAGO PENSA AD OBBLIGO MASCHERINE ANCHE ALL’APERTO

Lettura 1 min

Il comune di Asiago, in provincia di Vicenza, sta pensando di far tornare l’obbligo dell’uso mascherina all’aperto, in vista dei probabili assembramenti che potrebbero verificarsi nella cittadina dell’altopiano con l’arrivo di turisti di luglio e agosto. Nel Veneto, come in tutte le altre regioni bianche, non e’ piu’ vietato da ieri passeggiare all’aperto senza mascherina. Il sindaco del capoluogo dell’Altopiano dei Sette Comuni, Roberto Rigoni Stern, sta pensando invece ad una nuova stretta. “stiamo fortemente riflettendo su questa possibilita’ – dichiara – che ci dovrebbe essere consentita nei limiti della legislazione statale. Se pensiamo alla settimana di Ferragosto e ai week-end di luglio e agosto l’immagine del nostro corso IV Novembre e delle piazze limitrofe e’ quello di assembramenti notevoli, al punto che in certi momenti risulta quasi impossibile proseguire a piedi. Proprio per questo riteniamo che l’obbligo della mascherina eviterebbe qualsiasi tipo di rischio per i nostri residenti e i nostri turisti”. “In questo momento – aggiunge – ad Asiago non esiste nessun caso di Covid-19, ma il massiccio arrivo di turisti e vacanzieri delle prossime settimane, evidenziato anche dalle prenotazioni in hotel e case in affitto, ci confermano afflussi record, soprattutto in certi momenti: lo scorso anno si registro’ un +20%, quest’anno cresceremo ancora”. Proprio nel momento ‘caldo’ degli arrivi, nell’estate 2020, l’amministrazione emano’ un’ordinanza, per l’obbligo della mascherina all’aperto, “che potrebbe essere ripetuta anche quest’anno nello stesso periodo, 15 liuglio- 31 agosto”.

Photo by Sebastian Unrau 

Servizio Precedente

Gran Bretagna, Spagna e Norvegia, telefonini vietati a scuola. In Italia scoppierebbe la "guerra civile"

Prossimo Servizio

Sinn Fein, referendum per riunire Irlanda del Nord e del Sud entro 5 anni. Avrà impatto su Europa

Ultime notizie su Veneto