Addio alla “mamma” del Tiramisu, Alba Campeol

Lettura 1 min

“Per una vita intera erano stati inseparabili sul lavoro nel loro locale come nella vita privata. La morte li ha separati solo per pochi giorni, oggi ALBA e Ado sono riuniti in quell’intesa che ha caratterizzato quel tempio dell’ospitalità e della tradizione gastronomica veneta che sono le Beccherie a Treviso”. Così il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, ricorda ALBA Di Pillo CAMPEOL, nota ristoratrice trevigiana, scomparsa a meno di due settimane dalla morte del marito con il quale ha condiviso tanti anni di lavoro e di passione in cucina. “È proprio dalla fantasia e dalla passione di soddisfare il palato dei clienti di ALBA che è nato il Tiramisu – prosegue il Presidente -. Uno dei dolci più famosi della pasticceria internazionale, una bandiera del Veneto, che ha conquistato il mondo. Un’eccellenza che ha fatto del locale all’ombra di Palazzo dei Trecento un richiamo che ha varcato i confini”. “Ai familiari già provati dal recente lutto – conclude Zaia – esprimo le mie condoglianze con un pensiero di gratitudine ad Ado e ALBA per aver contribuito a far apprezzare il Veneto a livello internazionale”.

Nella foto, l’immagine pubblicata da Zaia sul proprio profilo social

Servizio Precedente

Minsk minaccia di chiudere i rubinetti del gas all’Europa. Prepariamo la legna per l’inverno?

Prossimo Servizio

I sei governatori della Lega: “Basta reddito di cittadinanza. Ci espone a truffe milionarie”

Ultime notizie su Veneto