A Venezia negozi ed hotel in svendita. Gli albanesi stanno acquistando molte proprietà: per conto di chi?

30 Settembre 2020
Lettura 1 min

di Riccardo Rocchesso – A Venezia la situazione è molto critica. Molti gli hotel, i ristoranti e negozi in svendita. Dopo il lockdown la città veneziana è stata una di quelle più colpite per il mancato afflusso dei turisti in Italia.

A descrivere la tragica situazione è il presidente dell’Ascom di Venezia, Roberto Magliocco. Tra le tante cose raccontate ad Il Gazzettino in una intervista, quella che colpisce di più è la nuova “Opa” albanese all’assalto di Venezia. Moltissime le proprietà chieste in acquisto.
Ma per conto di chi? Secondo il presidente c’è una possibilità che ci siano traffici di denaro internazionale che vengano poi spinti tramite acquirenti “silenziosi”, tra cui molti albanesi.

A Venezia, aggiunge, il turismo in parte è tornato. Ma sono turisti che non giovano al centro storico in quanto non spendono e non recano utile ai negozianti e ristoratori. Il ritorno delle navi da crociera, secondo Magliocco, potrebbe in parte aiutare. Ma nel centro storico la situazione è al limite della sostenibiltià, soprattuttto nell’area marciana: come si può pensare di versare dieci mila euro al mese di affitto se nessuno entra in negozio?

Una tragedia annunciata. Riuscirà mai a tornare Venezia come prima?
E se succederà… saranno italiani gli imprenditori turistici?

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Senato chiude per Covid. Positivi due 5Stelle

Prossimo Servizio

E lo speronamento tra Gdf e peschereccio diventa già satira

Ultime notizie su Economia

Superbonus ahi ahi ahi. Ma chi lo votò?

“Il Superbonus , insieme al bonus facciate e, in misura minore, gli incentivi alle imprese Transizione 4.0 hanno inciso marcatamente sui conti pubblici degli ultimi anni lasciando anche una pesante eredità sul futuro”. A

730 “facile”? Con 152 pagine di istruzioni?

Nulla a che vedere con quanto accadeva qualche decennio fa, quando il “modello 730” fu definito addirittura “lunare”. Da più di qualche anno, fortunatamente, non è più così. Un lavoratore dipendente o
TornaSu

Don't Miss