E la Val d’Aosta replica all’azione del governo sulle riaperture: autonomia sempre mortificata

Lettura 2 min

 Sfugge “la finalita’, se non per cercare di mortificare e di sminuire i principi dell’autonomia di cui gode la Valle d’Aosta”. Cosi’ il presidente della Regione Erik Lavevaz commenta l’impugnativa da parte del Governo della sua ordinanza di riapertura anticipata di bar, ristoranti e attivita’ ricettive. La scelta, secondo il presidente, “stupisce in particolar modo per le tempistiche, poiche’ arriva alla vigilia del riconoscimento ufficiale della Valle d’Aosta nella fascia di rischio medio”. 

“Prendiamo atto dell’azione intrapresa dal Governo – commenta ancora il presidente della Regione Erik Lavevaz – contro un provvedimento che, come abbiamo gia’ avuto modo di sottolineare in altre occasioni, e’ stato predisposto sulla base dei dati epidemiologici che, da oltre un mese, pongono la nostra Regione in quella che viene definita ”zona gialla”, in quanto i parametri per la misurazione del rischio di diffusione e di controllo del virus sono in rallentamento sul territorio valdostano”.

Secondo il presidente della Valle d’Aosta “nelle settimane scorse lo abbiamo piu’ volte segnalato al Governo italiano e non piu’ tardi di venerdi’ 11 dicembre scorso abbiamo chiesto al Ministro della Salute di riclassificare in tal senso la Regione, sulla base dei dati oggettivi disponibili, cosi’ come prevede la normativa vigente. Senza ottenere risposte”. “Ai sensi della legge 11/2020 recentemente approvata dal Consiglio Regionale, sulla base dei dati e del parere favorevole dell’Unita’ di supporto e coordinamento, – aggiunge Lavevaz – abbiamo emanato questa ordinanza, che ha, di fatto, anticipato l’apertura di bar e ristoranti di tre giorni rispetto alla prossima collocazione in zona gialla della Valle d’Aosta”.

Photo by Mat Reding 

Servizio Precedente

Orsi di Casteller - Oipa organizza sit-in venerdì a Trento. E con Enpa ricorre al Consiglio di Stato

Prossimo Servizio

Terremoto a Milano

Ultime notizie su Val d'Aosta