Forza Centro all’attacco della sanità umbra. Fiorini: Insostenibili lunghe liste d’attesa, sistema non regge. Serve un commissario

Lettura 1 min

“La situazione sanitaria dell’Umbria è ormai fuori controllo, sia dal punto di vista dei servizi sanitari sia dal punto di vista economico-finanziario. E’ ora di dire basta!
La gestione regionale della sanità – definita da chi Governa come delle migliori, che ha fatto anche arrivare da fuori regione …. alla fine si è rivelata un vero fallimento ed i gestori si sono rivelati per ciò che sono realmente”.

Parole pesanti e senza appello ma per Emanuele Fiorini, consigliere comunale di Forza Centro a Terni, l’Umbria è lo specchio gestionale di altre regioni, come denuncia in una nota.
“A pagarne le spese, però, purtroppo sono i cittadini umbri con liste di attesa lunghissime, percorsi Covid saltati, con il rischio che il fondamentale diritto dell’individuo alla salute sia giorno dopo giorno, sempre più compromesso”, continua.

Poi la critica passa al bilancio. “Basti pensare alla convocazione al Mef (Ministero economia e finanze) e al documento con cui lo stesso ministero ha annunciato alla direzione della sanità della Regione Umbria una diffida” per il periodo Covid (https://www.umbriasettegiorni.it/diffida-dal-mef-alla-regione-per-spese-covid-non-allarmiamoci-non-e-proprio-cosi/), anche se la Regione respinge le accuse.

Poi l’invito di Fiorini affinché “la politica sia fuori dalle nomine in sanità, perchè altrimenti finiranno sempre per prevalere logiche partitiche. Spero quindi che per il bene dei cittadini  la sanità umbra venga commissariata così come spero vivamente che l’assessore Coletto torni in Veneto”.

Servizio Precedente

2,6 milioni di persone hanno attraversato il confine polacco-ucraino. Sono 40 i punti d'accoglienza

Prossimo Servizio

Mosca: Possiamo continuare negoziati con Ucraina

Ultime notizie su Umbria